Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

demk

demk

Cresciuto con una passione enorme per la caccia e la natura ha cominciato ad avvicinarsi alla ricarica ed al mondo venatorio grazie al padre. Sempre in cerca di nuovi accorgimenti e prodotti ha pensato bene di creare una community incentrata attorno alla caccia dove apprendere nuove tecniche e scambiarsi opinioni. I suoi carnieri sono spesso vuoti, ma ogni uscita gli regala un'emozione e spesso si perde fra le nuvole ammirando paesaggi straordinari o valutando le condizioni meteo.

L'occhio dominante e la nostra insicurezza giocano un ruolo chiave

Doppietta Tradizionale Cal12 Esistono due modi per poter sparare. Uno più intuitivo è chiudere un occhio e concentrarsi sul mirino ed il bersaglio l'altro è tenere gli occhi aperti in ogni istante.
Io stesso, in maniera del tutto automatica, tendo spesso a tenere gli occhi aperti e chiudere nell'ultimo istante prima dello sparo l'occhio opposto alla spalla dove è poggiato il fucile per determinare la linea di tiro e ben focalizzare dove si trova il fucile rispetto al selvatico. Questo mi crea una sorta di "falsa sicurezza" perchè, se da un lato mi dà la sensazione di pieno controllo, al tempo stesso mi riduce la percezione di profondità e velocità del bersaglio.
Ovvio nulla che mi permetta di non centrare il selvatico, ma in qualche modo mi sto precludendo alcune facilitazioni che la vista binoculare è in grado di offrirci.

Quando, invece, spariamo con gli occhi aperti ben il 90% della nostra vista si focalizza sull'uccello o cinghiale di turno mentre il 10%, senza accorgercene, rimane consapevole della linea di tiro e dove si trova il mirino rispetto al bersaglio.
Domenica, 23 Settembre 2018 11:46

Hermann Lons e la caccia

Il poeta della brughiera

Hermann Lons Poeta CacciatoreHermann Lons è stato un giornalista e scrittore tedesco. È famoso per i suoi romanzi e poesie che celebrano la gente e il paesaggio delle brughiere della Germania settentrionale, in particolare la brughiera di Lüneburg nella Bassa Sassonia. Era un accanito cacciatore e storico naturale. Non riusciva a stare troppo a lungo lontano dai suoi magnifici posti di caccia.
Morì in combattimento durante la prima guerra mondiale.

Dai suoi tempi la caccia è parecchio cambiata, ma soprattutto è cambiato come la gente si interfaccia col mondo rurale, la natura e il mondo venatorio.
Sabato, 22 Settembre 2018 18:14

Spaniel, Cocker VS Springer quale scegliere?

Fra gli spaniel più popolari ci sono gli springer ed il cocker. Ecco i pro ed i contro di queste razze

Spaniel Cani StraordinariLo spaniel è un tipo di cane da caccia impiegato già nel tardo XVII secolo e col tempo si sono specializzati razze da terra e razze specializzate in acqua.
Il Irish water spaniel, ad esempio, veniva usato già nelle battute di caccia agli acquatici con arco e frecce per recuperare gli animali da laghi e fiumi.
Gli spaniel di terra, invece, si sono specializzati nei terreni più difficili "strisciando" letteralmente in avanti nei posti più fitti dimostrandosi battitori straordinari per fagiani e pernici.

Fra gli spaniel più popolari vi sono i cocker e gli springer. I primi sono nettamente più diffusi, ma è difficile distinguere chi li usa per la caccia o chi semplicemente li tiene per compagnia.
Sabato, 22 Settembre 2018 10:05

Il primo giorno in casa del nuovo cucciolo

Cucciolo Primi GiorniQuando un cucciolo cresce con la compagnia della madre, tutto procede serenamente. La madre fa sempre da compagnia ed insegna la disciplina al proprio cucciolo.
Cosa succede però quando un cucciolo viene separato dalla madre e va vivere in una nuova casa?

Immaginati un bambimo che è cresciuto quasi sempre in casa e sotto la protezione della madre interagendo, al più, con qualche parente.
Il primo giorno di scuola sarà devastante.
Accade lo stesso anche ai cani che, di colpo, si ritrovano con persone che non conoscono ed in ambienti sconosciuti.
Sabato, 22 Settembre 2018 08:19

Qual è il cane da caccia più adatto?

Cani da caccia, compagni di avventure

Cani Da Caccia Compagni di avventure Non esiste un cane da caccia per eccellenza, ma esiste quello che farebbe più comodo per te in base a come vuoi che l'animale lavori.
Esistono diverse razze di caccia ed ognuna ha le sue peculiarità.
Ma come scegliere fra uno spaniel, un pointer o un golden? Chi sarebbe il tuo compagno ideale fra, ad esempio, uno springer o un bracco tedesco?

Qualunque sia la tua risposta, scegliere il tuo cane, addestrarlo e godere del tempo trascorso assieme sul campo è una delle gioie più grandi della caccia. Il tuo cane al tuo fianco durante le tue battute renderà i giorni di caccia indimenticabili.

I colori per avere il pieno controllo delle cartucce e semplificare la vita...

Cartucce Calibro20 gialleUn caro lettore ci ha posto un'interessante domanda chiedendoci come mai quasi tutte le cartucce del calibro 20 sono gialle.
Molti di noi, soprattutto chi ricarica o usa il calibro 12 sono spesso portati a distinguere le varie cartucce immediatamente grazie al colore del bossolo. Nel calibro 20 non è così, quasi tutte le ditte sfruttano bossoli di color giallo ed i più distratti tendono a mischiare le cartucce.

Ricordo un bel pomeriggio al rientro dei Tordi. Il passo era molto buono ed un caro amico amante del 20 sparava a più non posso e a volte non aveva neanche il tempo di ricaricare che subito transitava un altro tordo.
Dopo un po' mi avvicino e noto con dispiacere che per la fretta e l'agitazione questo mio amico prendeva rapidamente le cartucce dalle tasche e senza guardarle le incamerava. A terra oltre alle classiche cartucce piombo 10 capitava di vedere anche qualche corazzata piombo 5 o 3.
Ovviamente ai Tordi non importava più di tanto, ma un pochino al portafoglio si.

Non sono cacciatore ma chi discrimina una categoria che per i territori è sempre stata una risorsa, solo per questione ideologica; crea solamente danni alle nostre comunità.

Daniele Cusmai LegaRiparte la stagione venatoria in Puglia ed in molte altre regioni d'Italia e nulla sembra cambiato rispetto agli scorsi anni.

Le tante promesse elettorali fatte sembrano essere rimaste tali e Salvini e company, che più di tutti, si sono dimostrati attenti ai problemi del settore venatorio hanno addosso gli occhi di tutti noi cacciatori.
Sarebbe ora di vedere qualcosa di concreto.

La Lega Foggiana si schiera, a gran voce, a favore della categoria venatoria con Daniele Cusmai, Segretario Provinciale Foggia Lega, che tramite i media locali dimostra tutto il suo appoggio ai cacciatori. Una categoria sempre più vittima di licenze costose, spazi e periodi limitati.
Moriglione Fra le specie a rischio secondo lipuLa LIPU di Rende attacca, tramite i media, la Giunta Regionale calabrese presieduta dall'Onorevole Mario Oliverio. Secondo l'associazione sia i Cacciatori, sia i rappresentati politici calabresi sono contro la salvaguardia dell'ambiente e lo dimostra l'attuale Calendario Venatorio Regionale approvato.

Secondo l'associazione è vergognoso che, ancora una volta, siano state concesse la preapertura al 1 settembre e posticipo al 10 febbraio.
Inaccettabile, sempre per l'associazione, sia concesso il prelievo a specie considerate in grave declino globale come Allodola, Combattente, Moriglione, Pavoncella, Moriglione, Tordo sassello e Tortora selvatica.
Sicilia Non è ancora cominciata la stagione venatorio che in Sicilia viene approvata la delibera n°68/GAB del 7 agosto che rettifica ed integra il calendario da poco pubblicato.

Tre le modifiche attuate che riguardano:
  • Allodola, il cui prelievo viene anticipato di un mese, ovvero, si passa dal precedente periodo 1° Novembre - 31 gennaio al 1° Ottobre - 31 dicembre più in linea con i periodi di transito del selvatico sull'isola.
  • Modifiche anche per il prelievo di Cinghiale e Volpe con la Regione che estende alle ripartizioni faunistiche venatorie la possibilità di disciplinare la caccia, in forma diverse da quelle dell'appostamento, oltre il periodo 1° ottobre - 31 dicembre.
  • La regione vieta la caccia nella località di Porcimene situata nel comune di San Maco D'Alunzio (ME).
    La zona è delimitata da apposite tabelle ed è individuata nella cartografia allegata al decreto.
Domenica, 12 Agosto 2018 14:51

Ricetta Colombacci ai peperoni

Preparazione Colombacci Peperoni impiattamento Da buon appassionato di caccia al Colombaccio la tavola rappresenta il culmine di tutti gli sforzi compiuti per predare questo selvatico come astuto e diffidente.
Invitando spesso gli amici cerco sempre di inventarmi qualcosa e abbinare gusti ed ingredienti diversi sperando di trovare il giusto compromesso e soprendere i commensali.

Oggi ho provato ad abbinare i colombacci con i peperoni. Ho preso spunto dalle ricette tipiche del Lazio del pollo al peperone ed ho pensato sia un ottimo abbinamento!

Il peperone cuocendo rilascia acqua e questa va ad ammorbidire e aiuta a rendere più tenera e saporita la carne "addolcendola" e questi sono aspetti non trascurabili se si parla di selvaggina. La carne dei colombacci, infatti, tendenzialmente non è molto grassa, ma compatta e dura pertando richiede un'adeguata cottura e l'unione dei peperoni si sposa benissimo aiutando a rendere ancora più buono e saporito il piatto finale.
Pagina 1 di 55

Login

Ultimi commenti