Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo


Martedì, 18 Settembre 2018 23:17

Perché la maggiorparte delle cartucce del calibro 20 sono gialle?

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

google+

linkedin

I colori per avere il pieno controllo delle cartucce e semplificare la vita...

Cartucce Calibro20 gialleUn caro lettore ci ha posto un'interessante domanda chiedendoci come mai quasi tutte le cartucce del calibro 20 sono gialle.
Molti di noi, soprattutto chi ricarica o usa il calibro 12 sono spesso portati a distinguere le varie cartucce immediatamente grazie al colore del bossolo. Nel calibro 20 non è così, quasi tutte le ditte sfruttano bossoli di color giallo ed i più distratti tendono a mischiare le cartucce.

Ricordo un bel pomeriggio al rientro dei Tordi. Il passo era molto buono ed un caro amico amante del 20 sparava a più non posso e a volte non aveva neanche il tempo di ricaricare che subito transitava un altro tordo.
Dopo un po' mi avvicino e noto con dispiacere che per la fretta e l'agitazione questo mio amico prendeva rapidamente le cartucce dalle tasche e senza guardarle le incamerava. A terra oltre alle classiche cartucce piombo 10 capitava di vedere anche qualche corazzata piombo 5 o 3.
Ovviamente ai Tordi non importava più di tanto, ma un pochino al portafoglio si.

Aneddoto divertente a parte, molti tiratori affermano che le cartucce del calibro 20 siano gialle per normativa, ma ciò non è vero ed in commercio non è difficile trovare anche cartucce e/o bossoli del calibro 20 di color differente dal giallo.

Ogni produttore usa colori e decorazioni particolari per le loro cartucce, ma semplicemente per una questione di marketing e per distinguere, il più possibile, il loro prodotto dagli altri ed incrementarne le vendite.

Tuttavia esiste il fattore sicurezza che ha portato, i vari produttori, a cercare di distinguere il più possibile le cartucce di un calibro rispetto ad un altro.
Soprattutto in passato le armi non erano così versatili come oggi. I range di caricamento era molto più ristretto e non era così raro che i tiratori usassero spesso alternare i calibri a seconda della caccia o uso.
Questa, assieme alla distrazione del tiratore, può creare dei seri problemi di sicurezza.
Le cartucce del 20 entrano nel calibro 16 così come le cartucce di quest'ultimo entrano nel calibro 12. Questo può comportare un grosso pericolo dovuto all'ostruzione della canna che potrebbe causare un terribile incidente.

Già negli anni '20 la Eley (storica e famosa produttrice di cartucce), preoccupata degli incidenti per distrazione, codificava tutte le sue cartucce commercializzando le calibro 12 in color rosso ciliegio, le calibro 16 in blu e le calibro 20 in giallo.
Sulla stessa linea di pensiero molti altri produttori di cartucce sia europei che americani.

Si trasmetteva, così, il messaggio fra i tiratori che le cartucce del calibro 12 erano comunemente di color rosso, le cartucce del calibro 16 blu/violetto e le cartucce del 20 di color giallo.

Col tempo questa sorta di "convenzione" si è mantenuta per il calibro 20 e tipicamente i bossoli che troviamo in commercio sono gialle. Le aziende americane tendono ad usare distinzione ancor nette coi colori delle munizioni a seconda del calibro o della tipologia per aiutare le persone a distinguere in maniera rapida le varie cartucce.
Ovviamente i colori non garantiscono l'esenzione dell'errore. Quindi il tiratore è sempre tenuto a prestare attenzione a cosa inserisce in canna.

demk

Cresciuto con una passione enorme per la caccia e la natura ha cominciato ad avvicinarsi alla ricarica ed al mondo venatorio grazie al padre. Sempre in cerca di nuovi accorgimenti e prodotti ha pensato bene di creare una community incentrata attorno alla caccia dove apprendere nuove tecniche e scambiarsi opinioni. I suoi carnieri sono spesso vuoti, ma ogni uscita gli regala un'emozione e spesso si perde fra le nuvole ammirando paesaggi straordinari o valutando le condizioni meteo.

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente