Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

antoliva

antoliva

Amante della caccia migratoria, della caccia vagante col cane (soprattutto alla regina) e della ricarica. Sparo da sempre col Beretta A301 cal.12 e possiedo setter, breton e springer.
Amministro su Facebook due gruppi Blog dei cacciatori(gruppo segreto su invito con oltre 3mila membri) e Tutto caccia(oltre 2mila membri) dove scambiare quattro chiacchiere fra caccia
Mercoledì, 01 Agosto 2018 13:57

Calendario venatorio Friuli Venezia Giulia

Approvato calendario venatorio Friuli Venezia Giulia 2018/19.

Caccia Appostamento AnatreLa Giunta ha reso disponibile il calendario venatorio per la prossima stagione di caccia. Per quanto riguarda la caccia tradizionale si partirà la terza domenica di settembre con due giornate di preapertura. Si potrà cacciare un'ora prima del sorgere sino al tramonto. Per la caccia dalla posta agli acquatici è concesso cacciare sino ad un'ora dopo il tramonto.
La caccia alla fauna selvatica stanziale è consentita al massimo per tre giorni alla settimana.

Per quanto riguarda, invece, la caccia di selezione al Daino, Camoscio e Muflone si potrà effettuare da un'ora prima del sorgere del sole fino al tramonto. Per la selezione al Cinghiale, Cervo e Capriolo si può effettuare da due ore prima del sorgere del sino e fino a due ore dopo il tramonto.

Cacciatore vince ricorso di contestazione sulla mancata immediata annotazione dei capi abbattuti

appostamento fisso di caccia Nei giorni scorsi avevamo visto come la Regione Toscana si sia impegnata a chiarire quando esattamente deve avvenire l'annotazione sul tesserino dei capi abbattuti.
Arriva la prima conseguenza della mozione con l'assoluzione di un cacciatore assistito dalla associazione Federcaccia.
L'uomo aveva contestato, mesi fa, un verbale di due guardie ambientali volentarie in cui gli contestavano la mancata annotazione dei capi di selvaggina migratoria abbattuti come previsto dalla legge nazionale 157/92.

Il cacciatore, da parte sua, aveva spiegato alle guardie che senza un esame ravvicinato poteva annotare male il tesserino rischiando di falsare i dati sulla fauna prelevata.
Il Cacciatore In FavolaC'è tanta violenza in giro contro chi ancora ama praticare l'arte venatoria, ma spesso dietro c'è soltanto disinformazione. Per questo CONARMI (CONsorzio ARMaioli Italiani) ha deciso di organizzare degli incontri fra cacciatori e studenti delle scuole. Si è partiti con i bambini delle elementari di Gardone Val Trompia e Marcheno in Provincia di Brescia.

In aula non si portano ovviamente armi, ma si discute del "lavoro", che non si menziona mai, che il cacciatore compie. Quest'ultimo non è un semplice sparatore, ma effettua prelievi di fauna controllati e ben regolamentati. Spesso i prelievi sono mirati a contenere nocivi e cinghiali la cui espansione è un problema per l'equilibrio naturale, altre volte sono legati alla passione e all'ebrezza di cacciare. Dietro tutto c'è sempre uno studio tecnico - faunistico condotto da esperti nel settore che valutano le modalità e le quantità dei prelievi.
Domenica, 11 Marzo 2018 12:41

William Arkwright e l'amore per la caccia

William Arkwright‎William Arkwright (1857-1925) esperto cinofilo ed amante della caccia studio soprattutto i cani da caccia. Grazie a lui abbiamo il libro Il pointer e i suoi predecessori che ci racconta l'importante lavoro di selezione di inizio secolo scorso per avere oggi i magnifici pointer che possiamo ammirare.

Da colto e preparato intellettuale sostentava che la conoscenza era importante per la vita e ci ha lasciato molte perle di saggezze.
Fra le tante eccone una che spiega cosa sia l'amore della caccia...
Lunedì, 13 Novembre 2017 19:50

Ape Caccia nera T1 32g

APE CACCIA T1 32g NERA Continuiamo a parlare di APE (Aurelio Perna), lo storico marchio calabrese, adesso acquisito da Rocco Zoccoli, ha ripreso la produzione riproponendo la serie di munizioni tanto apprezzate dai cacciatori nelle principali tipologie di caccia.
Oggi le cartucce APE sono prodotte e distruite principalmente dalla Romana Munizioni ed è possibile reperirle un po' in tutta Italia, anche se sono diffuse principalmente al sud ed in particolare in Calabria.

Fra la serie la "nera" era la più apprezzata dai cacciatori per la piccola migratoria grazie al prezzo economico e dalla resa piuttosto costante con i climi tipici del sud.

L'attuale APE Caccia ha molto in comune con la vecchia. Per i più nostalgici le differenze sono davvero poche col bossolo nero T1 che riporta il logo del marchio in color argento.
Provate ad Allodole e Tordi hanno ben reso. Ottime col clima mite tipico delle giornate autunnali del sud e micidiali nelle giornate fredde con poca umidità dove hanno fatto riscontrare degli bellissimi tiri anche nelle medie e lunghe distante.

Un abbattimento da record nell'RC2

Cinghiale 180kg RC2 Una giornata di festa è stata allietata da un abbattimento di un esemplare eccezionale. Un bellissimo animale che sulla bilancia ha fermato l'ago a ben 180Kg! Un peso straordinario ed inconsueto per la zona dove i cinghiali in media raggiungono il peso di 70-90Kg.

Un abbattimento da record, quindi, per la squadra cinghialai di San Nicola dell'ATC RC2.
La giornata è stata allietata da altri abbattimenti che hanno reso la fatica ed il duro lavoro compiuto una festa ricca di soddisfazione.

La squadra Cinghialai di San Nicola è stata fondata nel 2003 e si basa sul rispetto e l'amicizia reciproca.
Perchè noi ci mettiamo il cuore
Per maggiori informazioni la squadra è su Facebook: Squadra Cinghialai di San Nicola

Mercoledì, 11 Ottobre 2017 13:16

Caricamento C7 perfecta cal 12 32g

C7 32gTrovare una cartuccia che vada bene in preapertura è sempre molto difficile. Il caldo e l'umidità non aiuta e si finisce quasi sempre per ammattarsi. In molti puntano su cartucce veloci e poco piombo ripiegano sulle cartucce da tiro 28g, ma son sempre un'incognita. A volte vanno a meraviglia altre volte no e ci fanno arrabbiare.

Una cartuccia molto diffusa dalle mie parti per la caccia settembrina è la NSI Classica 32g. Questa cartuccia, caricata con la C7, è ideale nelle belle giornate e soleggiate e con la quale è possibile ottenere buone velocità e pressioni contenute.
Altra caratteristica della Classic è la borra tubo che permette di ottenere rosate compatte molto utili sui Colombacci e Tortore.

Sono partito proprio da questa munizione e con un paio di prove sono finalmente riuscito ad ottenere una cartuccia che mi soddisfava come rosata.
Giovedì, 27 Luglio 2017 15:59

Calendario Venatorio CALABRIA 2017/2018

Leggero miglioramento rispetto agli ultimi anni...

Ci eravamo ormai abituati ad aspettare dopo la metà di agosto, ma a sorpresa la Regione Calabria ha già approvato il calendario Venatorio che regolamenta la stagione venatoria 2017 e 2018.
A differenza degli ultimi anni, dove purtroppo ci eravamo abituati un po' al copia ed incolla con l'adeguamento delle date, quest'anno ci sono piccole, ma liete novità.

Tre le giornate di preapertura nei giorni 2, 3 e 10 Settembre in cui sarà possibile cacciare, esclusivamente da appostamento, Tortora, Colombaccio, Cornacchia Grigia, Ghiandaia e Gazza. Il 10 sarà possibile cacciare anche la Quaglia con l'utilizzo del cane da ferma o da riporto.

Un'altra importante e positiva novità è la chiusura al 10 febbraio alle specie nocive Ghiandaia, Cornacchia Grigia e Gazza.
Valle DAostaApprovato ieri dalla giunta regionale della Valle d'Aosta il Calendario Venatorio per la stagione 2017/18. Rispetto al precedente sono state introdotte alcune novità "condivise con il mondo venatorio", come spiega l'assessorato dell'agricoltura e delle risorse naturali.
Entrando nello specifico dei provvedimenti adottati per i danni alle produzioni vegetali, viene attribuita molta importanza alle attività di prevenzione, con contributi specifici per l’acquisto e la posa del materiale e delle strutture difensive nella misura del 90% delle spese ammissibili.
Per le situazioni, quali alpeggi e pascoli, ove le misure di prevenzione non risultino attuabili, si fissa comunque un risarcimento dei danni pari al 100% per gli imprenditori agricoli e pari al 60% per i soggetti non imprenditori.
Nelle tipologie di danni sono annoverati anche quelli arrecati alle produzioni ittiche dagli uccelli ittiofagi.

Relativamente ai danni arrecati dai predatori al patrimonio zootecnico, la legge regionale 17/2010 garantisce la possibilità di far fronte mediante uno specifico fondo finalizzato al risarcimento e all’attuazione di misure di prevenzione. Con il nuovo articolato, approvato dalla Giunta regionale oggi, anche in ragione dell’espansione della presenza del lupo sul territorio regionale, si prevede la possibilità di accedere ai contributi per l’attuazione delle misure preventive su tutto il territorio (un tempo previste solo per l’Alta e Media Valle) e si innalza l’importo di indennizzo prima fissato al 70% al 90% delle spese ammissibili.

Per fronteggiare il problema sono stato semplificate le classi di prelievo degli ungulati per ridurre i danni provocati da quest'ultimi. Aumentati anche il numero dei cani utilizzabili per la caccia vagante al cinghiale.

L'area di caccia specifica "Becca d'Aver" è stata ridotta ed è stata ripristinata la porzione nel territorio di Nus a caccia libera.

Tra le altre novità, l'opzione carnet prevede la possibilità per ogni cacciatore titolare di carnet A (ungulati), B (lagomorfi), C (galliformi) di effettuare, pur mantenendo la specializzazione venatoria, uscite collettive stagionali con un cacciatore possessore di un carnet di tipologia diversa.

Con il nuovo calendario è data la possibilità ai cacciatori di chiedere di spostamento di un mese del periodo di caccia alla beccaccia...

In data 4/7/2017 è stato approvato il calendario venatorio per la Regione Marche.

La Preapertura è consentita nelle seguenti giornate 2, 3, 6, 9, 10, 11, 13.

In preapertura nelle giornate dell'11 e del 13 settembre 2017, nei seguenti orari: dalle 5:30 alle 12:00 anche con l'uso del cane esclusivamente nelle stoppie (per stoppie si intendono i residui di colture erbacee rimaste nei campi dopo le operazione di raccolta del seme), nei terreni ritirati dalle produzioni agricole, sui prati naturali ed artificiali, su coltivazioni di barbabietole e medicai non da seme a condizione che non si arrechino danni alle colture. Per queste giornate il cacciatore che esercita il prelievo venatorio della quaglia deve indossare obbligatoriamente un capo di abbigliamento (giubbetto o pettorina o copricapo) ad alta visibilità (arancione, rosso o giallo).

In allegato troverete tutto il calendari completo.

Pagina 1 di 6

Mercatino

Strozzatori Rizzini
(Armi / Accessori)

Strozzatori Rizzini
07-17-2018

Breda Aries Cal.20
(Armi / Fucili)

Breda Aries Cal.20
05-21-2017

Ultimi commenti