Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo


Domenica, 22 Maggio 2016 15:05

L'anticipo nel tiro al volo

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

google+

linkedin

Antico nel tiro al volo Chiunque si sia avvicinato al tiro al volo, sia a caccia che al tiro, si è imbattuto col concetto dell'anticipo. Quando spariamo il bersaglio in movimento bisogna considerare che il proiettile, o la dose di pallini, non arriva all'istante sul nostro obiettivo, ma impiega qualche frazione di secondo. Se, ad esempio, mirassimo correttamente il bersaglio in movimento non è detto che lo colpiamo, poiché esso nello stesso frangente di tempo ha percorso una distanza tale da non venir centrato neanche con una rosata ampia di pallini.

Insomma,l'anticipo è la base del tiro a volo e anche se non se ne parla quasi mai fa la differenza fra un centro ed una padella.

Calcolare l'anticipo non è sempre facile, bisogna considerare la direzione del bersaglio, la sua velocità, la velocità della munizione che stiamo utilizzando e soprattutto la distanza che intercorre fra il tiratore ed il bersaglio.
E pensare che tutto avviene in un istante di tempo così breve. Bisogna, quindi, portarsi con se la calcolatrice ogni volta?
Beh no, col tempo e con l'esperienza verrà naturale al tiratore capire l'anticipo da dare. Tuttavia è bene considerare sempre i fattori considerati prima.
Tiro al piattello
Supponiamo di essere al tiro al volo....

Il piattello viene lanciato ad una velocità di circa 110-120 km/h e da subito subisce forti rallentamenti con l'attributo nell'aria. Se, per semplicità, consideriamo che il piattello viaggi a 100 km/h costanti (una velocità ipotizzata, ma tuttavia alta) senza subire attenuazioni e supponiamo sempre che usiamo una cartuccia veloce da 400 m/s (anche qui non consideriamo i rallentamenti della munizione all'avanzare) e che colpiamo il piattello col primo colpo a 15 metri. Che anticipo abbiamo dato? Beh, in media, circa 1 metro avanti al piattello.
A caccia la situazione si complica per ovvi motivi...
La preda non è detto segua una traiettoria sempre lineare;
molto probabilmente essa aumenterà la sua velocità se si accorge della minaccia;
il tiratore non è detto conosca il punto da cui arriva il bersaglio.

Se l'anticipo ti incuriosisce, abbiamo preparato, per te, un simulatore semplice che in linea di massima ti consiglia l'antico da dare a seconda delle tre variabili in gioco:

Cacciapedia

demk

Cresciuto con una passione enorme per la caccia e la natura ha cominciato ad avvicinarsi alla ricarica ed al mondo venatorio grazie al padre. Sempre in cerca di nuovi accorgimenti e prodotti ha pensato bene di creare una community incentrata attorno alla caccia dove apprendere nuove tecniche e scambiarsi opinioni. I suoi carnieri sono spesso vuoti, ma ogni uscita gli regala un'emozione e spesso si perde fra le nuvole ammirando paesaggi straordinari o valutando le condizioni meteo.

Commenti   

# cingep 2016-05-25 22:09
Grande demk! ;-)

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente

Login

Ultimi commenti