Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Giovedì, 23 Aprile 2020 22:56

Colombaccio all'arancia

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

L'arancia si sposa benissimo con la selvaggina da piuma...

Colombaccio arancia Avevo provato tempo fa i petti di Anatra all'arancia e mi erano piaciuti cosi tanto che ho provato più o meno la stessa ricetta con i Colombacci.
La scorsa stagione è stata un po' sotto tono dal punto di vista degli anatidi, ma sono stato fortunato con i colombacci che, almeno in cucina, non hanno la stessa resa dell'Anatra, ma si difendono bene anche loro.

L'arancia è un abbinamento appropriato a chi piace l'agrodolce. L'arancia, infatti, un gusto fresco, dolce e fruttato ed arricchisce la selvaggina donandogli quel sapore agrumato che non dispiace e copre magari il sapore un po' secco della carne.

Essendo il colombaccio dalle carni più dure rispetto l'Anatra occorre prolungare leggermente la cottura, ma il procedimento è identico. Consiglio vivamente di provarla, ero un po' scettico all'inizio, ma alla fine ho spazzolato via il piatto in un batter di ciglia per quanto buono...

Preparazione

Io tendo a congelare la selvaggina per poi consumarla pian piano a stagione finita. In questo modo, anche se i colombacci non necessitano di frollatura, la carne ha il tempo di maturare e diventare più buona e tenera.
Io utilizzo un colombaccio a persona che risulta un buon compromesso per un piatto unico e ricco. Bisogna scongelare qualche ora prima i colombacci lasciandoli in ammollo in acqua. Appena scongelati si lavano sotto l'acqua corrente

Colombaccio arancia pulizia

A questo punto si prosegue spellando i colombacci e rimuovendo la pelle grassa e le parti di scarto. Per questa preparazione utilizzeremo i petti disossandoli e dividendoli a metà orizzontalmente e le cosce intere.
Volendo si possono utilizzare anche le ali, ma queste rimangono sempre un più durette e le preferisco utilizzare per altre preparazioni come il ragù assieme alle frattaglie rimaste.

Colombaccio arancia petti A questo punto si prende la carne e si compie una specie di marinatura. Non è un passo fondamentale, ma insaporisce la carne rendendola più gustosa e tenera al tempo stesso, avendo tempo te la consiglio.
Marinatura semplice, si prende un contenitore di plastica alto, si dispone la carne e la si ricopre con del vino rosso, aggiungendo aglio ed altre spezie che si hanno a disposizione assieme a mezzo bicchiere di aceto.
Personalmente preparo il tutto la sera prima e lascio marinare in frigo per tutta la notte per poi cucinare i colombacci per pranzo. Il giorno seguente alla marinatura si prende la carne dal recipiente, scartando il resto, e la si pone in padella a fuoco alto per fargli perdere l'acqua in eccesso.
Nel frattempo, in un'altra padella, si fa rosolare degli spicchi di aglio nell'olio. Non appena l'aglio dora lo si leva e ci dispone la carne precedentemente infarinata.

Colombaccio arancia petti e cosce
Colombaccio arancia cottura
Facciamo rosolare il tutto ed aggiungiamo mezzo bicchiere di vino bianco, o come nel mio caso che avevo da consumare del vino spumante dolce.
Si lascia sfumare e si aggiunge il succo di tre belle grosse arancia ed un bicchiere di acqua. Aggiungiamo dei pezzetti di scorza di arancio ripuliti dalla parte bianca (molto amara) e si lascia cuocere a lento fuoco.

Durante la cottura di tanto in tanto rigiriamo il tutto e se si è asciugato il sughetto aggiungiamo un altro pochettino di succo di arancia.

Cuociamo sino a che non riteniamo la carne pronta testandola con una forchetta.
In genere ci vuole almeno un'oretta. Dipende dal selvatico e ormai vado molto a sentore testando appunto la carne con una forchetta.
Al termine impiattiamo ricoprendo la carne ben bene dal sughetto di arancia ottenuto e serviamo...
Buon Appetito! Colombacci arancia impiattati

Spero che questa ricetta ti sia piaciuta se hai consigli o domande non esitare a lasciare un commento...
Ramon

La precisione di tiro,non basta per essere un buon cacciatore. Colui che possiede esclusivamente questa capacità, farebbe bene a restarsene a casa.Ma chi ama la fauna e il bosco anche quando non risplende il fuoco, non si ode il fragore dei fucili e va fuori anche durante il periodo di divieto di caccia, quando la terra e gli alberi sono congelati o coperti di neve, quando il cibo scarseggia, il bisogno è massimo e la morte raggiunge l'animale selvatico. Solo colui che scongiura la morte curando,nutrendo e proteggendo gli animali, merita di essere chiamato cacciatore. Hermann Lons

Commenti   

# demk 2020-04-25 12:25
Sembra buonissimo! Complimenti cercherò di farli così prossimamente.. . E se al posto del vino sfumi con cointreau o altro liquore all'arancia pensi sia male?
# ramon 2020-05-09 10:31
Citazione demk:
Sembra buonissimo! Complimenti cercherò di farli così prossimamente... E se al posto del vino sfumi con cointreau o altro liquore all'arancia pensi sia male?


Grand Marnier è quello più indicato
# Ronin977 2020-04-26 12:39
Dacci qualcosa di buono con la beccaccia

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente