Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo


Giovedì, 31 Gennaio 2019 22:21

Caccia più sicura, in calo del 33% gli incidenti mortali

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

google+

linkedin

Quest'anno i morti in incidenti di caccia sono stati 1/3 in meno

Sicurezza caccia diminuiscono incidentiSi chiude con un po' di malinconia anche questa stagione ed è interessante apprendere che il trend degli incidenti è in netto calo con un aumento significativo della sicurezza. Tema, quest'ultimo, assai delicato e in particolar modo sotto la lente dell'attenzione da parte dei mass media e dei non favorevoli alla caccia.

Durante l'arco dell'ultima giornata da caccia, dal 1° settembre 2018 al 30 gennaio 2019, in tutta Italia, sono stati 12 i decessi, di cui 2 non cacciatori (pari al 17% del totale), durante gli incidenti di caccia. 50 i feriti, di cui 13 non cacciatori. Questi dati sono nettamente migliori rispetto alla stagione precedente. Rispettivamente siamo a -33% e -17% rispetto alla stagione 2017/2018.

In controtendenza alle campagne di d Non c'è nulla da festeggiare ovviamente. Un solo incidente basta per segnare una sconfitta pesante per tutta la categoria.
I dati però ci portano a pensare che possiamo far di meglio.

Le associazioni venatorie unite ricordano come, nonostante le campagne informative ideologicamente avverse abbiano generato una distorta percezione del tema, le attività capillari di attività di sensibilizzazione alla sicurezza stanno portando i loro frutti facendo diminuire, anno in anno, il numero degli incidenti. Prudenza e precauzione stanno diventando un must per ogni cacciatore e bisogna far sì di essere sempre consapevoli dei possibili rischi a cui si va incontro imbracciando un'arma all'aperto.

Nella nota rilasciata dalle associazioni venatorie si legge anche:
consapevoli della gravità del problema relativo alla sicurezza, ritengono che il miglior modo per affrontarlo, anche per evitare strumentalizzazioni ideologiche, sia agire nella totale trasparenza comunicando per primi i numeri sulle vittime dell’ultima stagione venatoria”.
"si fa presente che i cacciatori italiani sono impegnati quotidianamente a tutela della biodiversità, gestendo territorio, ambiente e fauna, vigilando contro il bracconaggio, operando al servizio delle pubbliche amministrazioni a titolo gratuito in operazioni di controllo e ripristino ambientale."


Adesso non bisogna sedersi sugli allori, ma continuare a sensibilizzare ed a educare alla sicurezza venatoria soprattutto le nuove leve.
ModoMirino

La caccia una tradizione da riscoprire. Unisci al nostro fantastico gruppo! Ecco Chi siamo

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente