Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Mercoledì, 18 Novembre 2020 22:32

Il governo risponde in merito alla caccia nelle varie zone rosse ed arancioni

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ammassati per le vie del passeggio e nei parchetti delle città, ma no da soli a caccia in montagna

caccia attività isolata montagnaIl DCPM del 3 novembre ha portato tanta confusione e l'introduzione di norme che prevedono diverse severità a seconda della regione di appartenenza.
Il tutto per il bene pubblico e cercare di contenere, il più possibile, un virus che sta mettendo a dura prova la sanità e l'economia europea e mondiale.
A differenza di marzo ed aprile si è optati per una specie di lockdown più soft, ma questa volta ricade nel pieno delle attività venatorie.

Soprattutto i primi giorni sono state molte le incertezze ed i dubbi che hanno lasciato il via alle più disparate interpretazioni.
Quello che però ha più lasciato perplesso è stato il silenzio sia dalle varie associazioni venatorie che dalle varie istituzioni.

Dopo tanta attesa arriva finalmente la risposta secca e coincisa del governo in merito alla caccia durante questo periodo.

Ecco dal 3 novembre cosa possiamo fare in tema venatorio:

Zona Gialla:

Si può andare a caccia pur rimanendo sempre all'interno dell'area gialla.

Zona Arancione:

La caccia è concessa, ma solo all'interno del proprio comune.

Zona rossa:

La caccia non è consentita.



Solo giorno 16 novembre le associazioni venatorie congiunte hanno fatto richiesta al governo di non dimenticare le necessità di far proseguire una serie di attività nel rispetto delle norme anti covid.
La caccia, spiegano le associazioni, è un’attività che si pratica all’aria aperta, «principalmente realizzata in forma singola», in grandi spazi, lontano dai centri urbani e dalle aree antropizzate, nel rispetto dunque delle distanze di sicurezza dettate dalle norme anti contagio.
Si poteva far di più? Meritavamo più attenzione?
Queste son le domande che ogni cacciatore dovrebbe porsi e tenere a mente, soprattutto in questi periodi, chi si sta impegnando maggiormente per tutelare i diritti di tutti noi...
BlackHunter

Adoro il vento di bora che soffia sul viso la mattina e sentire lo zirlo prima di vedere la freccia.
Adoro il ruomore nei rami fitti della beccaccia che si invola e adoro la mia squadra di cinghialai number 1

Commenti   

# leandrobranca 2020-11-21 18:00
SECOLARI INGIUSTIE PATITE DALLA CALABRIA.
NON CI COLLUQUIAMO A VITTIME SACRIFICALI,TUT TAVIA E' NOTORIA LA GRAVISSIMA
DISCRIMINAZIONE SUBITA DALLA CALABRIA PER TUTTI I SETTORI.LE RISULTANZE INFATTI DERIVANO
DALLE DISCUTIBILI ZONE ASSEGNATE ALLE REGIONI
DAL GOVERNO CI DOMANDIAMO SE LA CALABRIA,CENERE NTOLA DI TUTTI I GOVERNI è LA VITTIMA SACRIFICALE PER AVERE UN'ASSISTENZA
INSUFFICIENTE?????LE PALESI DISCRIMINAZIONI LE
DOBBIAMO PAGARE E RASSEGNARCI ???
# demk 2020-11-21 18:32
Ciao leandrobranca, non è solo la Calabria il problema.

Purtroppo non abbiamo molte scelte. Bisogna aspettare. Però ci deve servire da lezione e diventare più scrupolosi e fare in futuro proteste e farci sentire.
# thekingmachine 2020-11-23 00:23
ma se non abbiamo le associazioni che ci spalleggiano non potremmo mai andare avanti demk
# demk 2020-11-24 20:57
questa è l'occasione giusta per cambiare e scegliere le associazioni che si fanno sentire a livello nazionale o abbandonarle tutte. Spero che tutti noi cacciatori valutiamo attentamente se fare la tessera e con chi ...
# thekingmachine 2020-11-24 22:23
tanto tessera o non tessera non gli importa nulla non contiamo nulla,sono avvilito

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente