Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Venerdì, 07 Agosto 2020 21:36

Calendario Venatorio Sicilia 2020/2021 approvato

Scritto da

Dopo lo sconforto dello scorso anno si torna a vedere un po' di luce...

Calendario Venatorio Sicilia 2019 2020 La giunta regionale siciliana ha approvato il calendario venatorio che regolamenta la prossima stagione di caccia 2020/2021.

Rispetto alla scorso anno sono tante le novità, in positivo.
Torna cacciabile la Pavoncella mentre, come lo scorso anno, viene rimosso dalle specie cacciabili il Moriglione.

Torna cacciabile la Tortora in preapertura assieme alla Quaglia ed il Coniglio selvatico.

Buone notizie per la Beccaccia che rispetto alla scorso anno avrà un periodo di prelievo più lungo ed in linea con le disposizioni presenti negli anni passati.

Venerdì, 17 Luglio 2020 19:04

Umbria, approvato il calendario venatorio 2020/2021

Scritto da
Umbria approvato calendario venatorio 2020 2021 Dopo aver ascoltato le associazioni venatorie, ambientaliste e dei coltivatori (Coldiretti, Confagricoltura, Arci caccia, Cpa, Enalcaccia, Anuu, Atc 1,2 e 3, Fidc, Ente nazionale cinofilia, Urca e Legambiente) ed atteso il parere ISPRA la Giunta regionale ha approvato il calendario venatorio per la prossima stagione 2020-2021.

La pubblicazione è avvenuta con una ventina di giorni di ritardo spiega l'Assessore Roberto Morroni a causa dei lunghi tempi di attesa da parte di ISPRA. I ritardi hanno causato il posticipo della caccia di selezione a Daino e Capriolo all'8 luglio.

Torna, finalmente, la preapertura che non si è svolta dei nuovi anni precedenti a causa della mancanza dell'aggiornamento del Piano Faunistico Venatorio regionale. Escluse, come richiesto dal Ministero dell'Ambiente, le specie cacciabili Moriglione e Pavoncella.
Lo scorso 2 luglio la Giunta regionale ha approvato il calendario venatorio che regolamenterà la prossima stagione di caccia 2020/2021.
L'Assessore alle politiche agricole e forestali, Francesco Fanelli, commenta positivamente il calendario appena approvato.
La Regione Basilicata, al fine di tutelare la fauna selvatica e le produzioni agricole sul territorio, ha varato un calendario venatorio basato sul principio della caccia programmata e controllata.
L'accesso, per i non residenti e non domiciliati in Basilicata, agli ATC sarà consentito solamente dal 1° ottobre al 31 gennaio 20221 esclusivamente per il prelievo delle specie migratorie.

Il gigante condor delle ande, l'uccello volante più pesante al mondo è anche il più bravo a sfruttare le correnti...

condor andinoUn recente studio internazionale guidato dall'Università britannica di Swansea ha studiato gli uccelli più grandi al mondo per comprendere le loro capacità di volo.
Lo studio ha monitorato degli esemplari di giganteschi condor andini (Vultur gryphu), o più semplicemente condor delle ande, sui quali sono stati installati dei sensori che hanno permesso ai ricercatori di comprendere come questi uccelli si spostino nei difficili territori delle zone montuose delle Ande.

Colombaccio in preapertura, ma introdotto il divieto di caccia a Pavoncella e Moriglione

Campania approvato calendario 2020 2021 Lo scorso 30 giugno la Giunta regionale ha approvato il calendario venatorio che regolamenterà la prossima stagione di caccia 2020/2021.
La Regione accoglie le richieste del Ministero dell'Ambiente e rimuove, dalle specie cacciabili, Pavoncella e Moriglione. Viene reintrodotto il Colombaccio in preapertura, ma nel rispetto del periodo di prelievo viene posticipata l'apertura della caccia al colombaccio al 10 di ottobre.
Per il resto il testo ricalca sostanzialmente il calendario dello scorso anno.

Rimangono inascoltate le richieste dei cacciatori per quanto riguarda la caccia alla Tortora selvatica che sarà prelevabile una giornata sola in preapertura.
Mercoledì, 08 Luglio 2020 00:18

Piemonte, nuove regole per la caccia

Scritto da

Modifiche alla legge sulla caccia ed è polemica da parte delle associazioni ambientaliste

Piemonte nuove regole Il 2 luglio, il Consiglio Regionale, nell'ambito dell'"Omnibus" collegato al decreto "Riparti Piemonte" ha approvato nuove regole per quanto riguarda la caccia.
Queste modifiche non sono piaciute alle associazioni ambientaliste, soprattutto a LegaAmbiente che ha dichiarato che, quanto fatto dalla Regione Piemonte rappresenta "Un vero e proprio attentato alla biodiversità alpina".

Secondo il Consiglio Regionale l'intervento normativo attuato non fa altro che allineare il Piemonte alla normativa nazionale sulla caccia garantendo così sicurezza ai cacciatori e fornendo, al tempo stesso, nuovi strumenti di sostegno economico ai comprensori alpini e agli ambiti territoriali di caccia.

lombardia autorizza il prelievo del piccione da citta per la stagione 2020 2021La Lombardia è tornata attiva sul piano venatorio e dopo le modifiche approvate recentemente, Lombardia modifiche sulla legge regionale sulla caccia, approva il prelievo alle specie storno e colombo selvatico.

L'assessore regionale Fabio Rolfi spiega che, negli utlimi anni, queste sole due specie hanno causato danni alle coltivazioni per almeno 1,7 milioni di euro.
I metodi dissuasivi sin qui dispiegati hanno portato risultati scarsamente efficaci.
Giovedì, 25 Giugno 2020 21:11

Chieti, cinghiale abbattuto viene donato ai poveri

Scritto da

Arcicaccia regala le carni del cinghiale, proveniente dai piani di selezione, ai poveri

selezione cinghiale chieti donato ai poveri In questi tempi di emergenza e situazione economica critica il buon cuore dei cacciatori batte forte.
Dopo aver cercato di far la nostra parte nel periodo del lockdown, Covid-19, cacciatori in prima linea, arriva un'altra bella notizia da Chieti.
Riparte la stagione di selezione al cinghiale e l'associazione Arcicaccia di Chieti ha pensato bene di donare le carni ai più poveri.

La scelta è ricaduta sul centro di accoglienza "Capanna di Betlemme" ed il cinghiale, abbattuto lunedì scorso, dopo i risultati di rito della Asl, è giunto nella struttura. Gli ospiti della casa di accoglienza, abituati a ben altro menu, potranno godere di un pasto diverso e gourmet.

Priorità, dare certezze ai cacciatori..

Per l'Assessore all'agricoltura, caccia e pesca della Regione Veneto, Giuseppe Pan, quest'anno non è adatto per tentativi ed esperimenti e causa pandemia bisogna lavorare per approvare al più presto il Calendario Venatorio che ricalchi il più possibile quello dello scorso anno che ha già ottenuto i pareri positivi dell'ISPRA e dei vari ricorsi presentati. Punti di attenzione, quest'anno, sono stati i problemi su selvatici come Pavoncella e Moriglione su cui associazioni ambientaliste ed il ministro Costa hanno puntato il dito come specie da salvaguardare e rimuovere fra le specie cacciabili.

La licenza ancora valida non va consegnata all'amministrazione

Con la circolare allegata alla fine di questo articolo, il Ministero dell'Interno chiarisce, nero su bianco, che all'atto di rinnovo del porto d'armi, gli uffici predisposti, Carabinieri o Polizia, non possono richiede di consegnare la licenza ancora valida.
Questo perchè la licenza è ancora in corso di validità e rappresenta un abuso, eventualmente sanzionabile, l'obbligo di riconsegnare, in questi casi, il documento valido.

Si mette così fine ad una prassi un po' diffusa di Questure, Commissariati e stazioni dei Carabinieri che sino ad oggi hanno spesso obbligato il titolare di porto d'armi, ancora in corso di validità, a consegnare il documento in attesa della pratica di rinnovo.
Pagina 5 di 106