Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Martedì, 14 Agosto 2018 21:06

Lazio, arriva la preapertura!

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

google+

linkedin

Streptopelia turtur Tortora Vicino AcquaCon Decreto del Presidente della Regione Lazio del 13 agosto 2018, n. T00206 viene integrato il Calendario Venatorio 2018/2019.
Viene anticipata l'apertura della stagione venatoria, con l'esclusione dei territori ricompresi nelle zone ZPS, nei giorni 1 e 2 settembrre 2018.
Le specie coinvolte nel prelievo sono: cornacchia grigia(Corvus corone cornix), gazza (Pica pica), ghiandaia (Garrulus glandarius), merlo (Turdus merula) e tortora (Streptopelia turtur turtur).

Le modalità del prelievo prevedono l'esercizio venatorio da appostamento fisso o temporaneo e senza l'ausilio del cane.

Il limite di carniere giornaliero, per ciascun cacciatore, è stabilito nella misura di venti capi complessivi delle specie autorizzate, di cui non più di cinque capi per specie di merlo (Turdus merula) e di tortora (Streptopelia turtur turtur).

Nel rispetto dell'arco temperale previsto dall'articolo 34 della legge regionale vengono posticipate le date di apertura alle specie coinvolte nella preapertura
Si modificano pertanto le aperture alla specie merlo (Turdus merula) al 19 settembre 2018 e per le specie cornacchia grigia (Corvus corone cornix), gazza (Pica pica) e ghiandaia (Garrulus glandarius) al 1 ottobre 2018.

Nei giorni di preapertura 1 e 2 settembre viene sospeso l'allevamento e l'addestramento dei cani. In allegato il testo completo.

Lazio



Ramon

La precisione di tiro,non basta per essere un buon cacciatore. Colui che possiede esclusivamente questa capacità, farebbe bene a restarsene a casa.Ma chi ama la fauna e il bosco anche quando non risplende il fuoco, non si ode il fragore dei fucili e va fuori anche durante il periodo di divieto di caccia, quando la terra e gli alberi sono congelati o coperti di neve, quando il cibo scarseggia, il bisogno è massimo e la morte raggiunge l'animale selvatico. Solo colui che scongiura la morte curando,nutrendo e proteggendo gli animali, merita di essere chiamato cacciatore. Hermann Lons

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente

Login

Ultimi commenti