Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Mercoledì, 13 Maggio 2020 16:47

Polvere SNIA BPD 205S

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Polvere di eccellente qualità sempre costante...

Polvere 205S lattina Ricordo ancora oggi le prime uscite alla caccia alla migratoria. Mi lasciavo spesso trascinare dal numero elevato di allodole o tordi che si vedevano e insieme al fatto che ancora mi dovevo un po' rodare con il tiro erano tante le padelle. Tuttavia avevo delle vecchie cartucce di mio padre che mi apparivano magiche.
Dove tiravo cadevano e con lei mi sentivo sicuro. Sapevo solo che erano confezionate con la mitica, mio padre la osannava molto, 205S.

Sono rimasto così affascinato da questa polvere che, una volta finite quelle vecchie cartucce, ho provato in tutti i modi di reperire questa polvere e, al tempo stesso, cercare il maggior numero possibile di informazioni in merito.

Polvere 205S Per questo motivo ho deciso di condividere con te quello che ho scoperto su questa vecchia polvere ormai non più in produzione e ti sarò grato se vorrai condividere la tua esperienza e quello che conosci della 205..

Questa polvere monobasica fu prodotta dalla BPD, successivamente acquisita dalla SNIA, nel lontano 1974 a partire da un eccellente fornitura di materie prime che diede vita alla serie 205. Veniva prodotta nello stabilimento di Collefetto ed era una polvere di eccelsa qualità, ma anche dagli alti costi produttivi.
Una volta terminata la materia prima, infatti, la SNIA smise di produrla modificando la formula e producendo così la 206. Anche quest'ultima polvere ha avuto discreto successo, ma sicuramente non è riuscita ad arrivare ai livelli della tanto rimpianta 205.

La 205 veniva ottenuta per trafilatura del particolare impasto piuttosto morbido ed umido che veniva tagliato da un coltello rotante. Si ottenevano, così, delle specie di lamelle quadrangolari e leggermente incurvate di colori grigio.
Per riconoscerla, quindi, devi ricordare che la 205 risulta:
  • - lamelle "quadrettate" di forma irregolare 1,4x1,3x0,4
  • - color grigio tendente al verde
  • - superficie non liscia con macro porosità


Si può considerare una polvere mediamente vivace che veniva realizzata in tre categorie suddivise per progressività:

NOME POTERE CALORIFICO DOSAGGI
205L 950 cal/g 35 - 36g
205S 965 cal/g 31 - 34g
205v 980 cal/g 28 - 30g


Polvere 205S con componenti moderni Le 205L e 205V non furono vendute al dettaglio, ma erano reperibili solo in cartucce commerciali.
La serie 205 era studiata per rendere l'accensione rapida e costante e ben adattarsi agli inneschi un po' altalenanti di media e bassa potenza ancora molto diffusi negli anni 70/80.
La 205S veniva commercializzata inizialmente in latta tonda marcata BDP color giallo con in rilievo in color oro il nome 205S (se ne hai una mandaci la foto gentilmente). Successivamente fu commercializzata dalla SNIA in latta rettangolare color alluminio con stemma color nero e scritte silver come puoi vedere nelle foto della polvere in mio possesso. Infine si torno alla latta cilindrica color oro che riprendeva lo stile della prima latta BDP

La 205S è una polvere che era pensata per essere accoppiata ad inneschi di media o bassa potenza. Tuttavia se dovessi riadattarla con moderni componenti puoi utilizzare benissimo un innesco di alta potenza come il 616 per il confezionamento di cartucce da 32-33 (questo, secondo me, il range perfetto per la 205S) e usare un innesco più debole per arrivare ai 34-35g massimi di dosaggio di questa versione.

Ho avuto la fortuna di fare svariati assetti e provarli alla placca.
Per compensare l'innesco ad alta potenza utilizzato adotta una borra che abbia un po' di elasticità come il super g della gualandi o il z2m della baschieri e chiudi il tutto con una classica e decisa chiusura stellare. Questi accorgimenti ti aiuteranno ad ottenere un ottimo assetto dalle rosate ben guarnite ed alte velocità senza però risentirne troppo alla spalla.
Se a ciò unisci le ottime caratteristiche di questa polvere che la rendono costante in quasi tutti i climi ecco che hai approntato una munizione valida per tutta la stagione e che a volte ti sorprenderà con qualche magico abbattimento.

205S rosata Fra le varie prove quella che più mi ha convinto è stata la seguente:
  • POLVERE:1,65g di 205S;

  • INNESCO: DFS 616 ad alta potenza;

  • BOSSOLO: Fiocchi T3;

  • BORRA: Z2m21

  • PIOMBO: 33g del 7½;

  • CHIUSURA: stellare 5 pliche;

  • ALTEZZA CARTUCCIA FINITA: 58mm.


Essendo una polvere in cui nutro particolare fiducia e famosa per la sua costanza ho pensato bene di realizzare una munizione per le specie di pregio che caccio. Ecco perchè la scelta della numerazione 7½ che rende questa cartuccia molto versatile e utilizzabile, per me, da settembre in poi a conigli selvatici, colombacci e qualche tiro lontano alla tortora. Non ti nascondo che un paio di queste sono sempre nel gilet pronte ad essere messe in canna quando ho il tempo di cambiare avvistando una bella preda o quando la giornata è calda e umida e tutte le altre mi fanno cilecca....

Spero di esserti stato utile e aspetto le tue opinioni per migliorare il mio assetto o per darmi qualche informazione in più su questa fantastica polvere... Cartucce moderne con la vecchia 205S

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente