Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Lunedì, 05 Aprile 2021 11:29

Polvere Vulcania

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Una polvere dalla triste storia

Polvere Vulcania latta 100g Qualche tempo, l'utente alexlatino ci ha mostrato alcuni oggetti ritrovati in soffitta.
Fra essi una polvere italiana mai vista prima, la Vulcania.

Incuriositi abbiamo cominciato a cercare e scoperto una polvere senza fumo nata attorno agli anni '30 per cercare di risolvere uno dei problemi più grandi di cui soffrivano le munizioni dell'epoca, ovvero l'umidità.

I componenti in cartone dell'epoca non garantivano un perfetto isolamento dagli agenti atmosferici come acqua ed umidità e gli inneschi non preformanti rendevano spesso difficile accendere bene la polvere e farla bruciare correttamente.
La Vulcania era una polvere granulare, molto fine, alla nitrocellulosa gelatinizzata di color grigio studiata per bruciare al meglio anche nelle giornate più umide con i componenti dell'epoca. Veniva prodotta a Montichiari (Brescia) dall'omonimo polverificio.

Il polverificio nacque dalle società Sorlini e Giardini che ne nel 1927 davano vita alla Soc. An. Vulcania per produrre la polvere omonima inventata dal marchese Imperiali di Napoli.

Polvere Vulcania La produzione di Vulcania ebbe però una storia triste con un susseguirsi di incidenti negli anni.
Il 4 settembre 1929 uno scoppio fece registrare 20 vittime. Il 6 marzo 1940 segui un incidente ancora più grande e terrificante di cui ancora oggi si trovano racconti nei più anziani di Montichiari.
Era il 6 marzo del 1940 quando di colpò un tremendo boato scosse una bella e limpida giornata. Alcuni superstiti raccontarono che di colpo si senti tremare la terra come un terremoto ed il cielo diventò improvvisamente nero a causa degli intensi fumi scuri che si elevavano dal polverificio.
L'esplosione fu così terrificante che si trovarono i resti delle vittime anche a centinaia di metri di distanza.
Una donna morì a causa di un mattone scagliato dall'esplosione come un grosso proiettile che la colpi alla testa.
Non vennero mai chiarite le cause dell'incidente e con la guerra alle porte si ricostruì tutto in fretta per non fermare la produzione.
La sera del 31 luglio 1947, all'interno del polverificio si verificarono diverse esplosioni che, anche per fortuna non comportarono vittime umane, provocarono ingenti danni negli edifici circostanti coinvolgendo più comuni e provocando dallo scoperchiamento di tetti, alla distruzione di porte, infissi e frantumamento di vetri.
Vennero quantificati più di 500 milioni di lire di danni.
Bossoli Polvere Vulcania Foto di Roberto Lucattini
Ben 60 sono state le vittime nel corso del tempo della triste storia di produzione del polverificio Vulcania. Oggi a ricordarle, dove nasceva l'azienda, c'è un museo che narra la storia dello stabilimento e documenta i vari incidenti sino al fallimento della Vulcania.

La polvere Vulcania non riusci ad affermarsi fra i cacciatori. All'epoca la fama di altre polveri della B.D.P. misero questa polvere in secondo piano. Sicuramente i vari incidenti dell’azienda ed anche lo scoppio della guerra, con la conversione del polverificio nello smaltimento di ordigni bellici difettosi e produzioni militari, portarono alla fine della produzione della polvere da sparo Vulcania.

Questa polvere permetteva il caricamento di munizioni di media grammatura ed andava a competere con le blasonate polveri del periodo cercando di risolvere i problemi di umidità e cattiva combustione tipica con i componenti dell'epoca.

Hai mai caricato la Vulcania? Cosa ti ricordi di questa polvere?
Facci sapere commentando qui sotto...

demk

Cresciuto con una passione enorme per la caccia e la natura ha cominciato ad avvicinarsi alla ricarica ed al mondo venatorio grazie al padre. Sempre in cerca di nuovi accorgimenti e prodotti ha pensato bene di creare una community incentrata attorno alla caccia dove apprendere nuove tecniche e scambiarsi opinioni. I suoi carnieri sono spesso vuoti, ma ogni uscita gli regala un'emozione e spesso si perde fra le nuvole ammirando paesaggi straordinari o valutando le condizioni meteo.

Altro in questa categoria: « Vecchia Dn a ciambelline

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente