Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Venerdì, 29 Maggio 2020 07:35

Toscana, approvato il calendario venatorio 2020/2021

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Calendario venatorio toscana 2020 2021Approvato il calendario venatorio che regolamenterà la prossima stagione venatoria in Toscana.
Poche le novità rispetto lo scorso anno se non una piccola attenzione per quei cacciatori specializzati alla caccia all'allodola e che detengono richiami vivi.
Quest'ultimi, infatti, potranno prelevare il doppio delle allodole rispetto agli altri e, quindi, vedono i limiti di carniere portarsi a 20 capi giornalieri per un massimo stagione di 100 capi.
Una piccola attenzione che probabilmente permetterà di mantenere ancora viva la classica caccia all'allodola con i richiami vivi e ne giustifica, in parte, le fatiche e le spese necessarie.
Anche quest'anno, con parere favorevole dell’ISPRA, la regione ha autorizzato su tutto il territorio toscano il prelievo in deroga dello storno, dopo cinghiale e capriolo la terza specie maggiormente responsabile dei danni all'agricoltura con ben 1,5 milioni di danni accertati nel periodo 2004-2019.
Unica novità, rispetto le passate stagioni, l'obbligo dell'uso del tesserino per quei cacciatori che vogliono aderire al prelievo dello storno.
Questo per permettere alla regione di monitorare, in tempo reale, i numeri dei prelievi e disporre l'eventuale sospensione della deroga al raggiungimento dei 25 mila capi prelevati.

Nessun dettaglio sull'eventuale preapertura, ma si attende, come ormai consuetudine l'apposita delibera.

Principali periodi di caccia:

  • Coniglio selvatico, Merlo e Fagiano: dal 20 settembre al 31 dicembre;

  • Starna e Pernice rossa: dal 20 settembre al 30 novembre;

  • Lepre: dal 20 settembre all’8 dicembre;

  • Quaglia, Tortora e Combattente: dal 15 settembre al 31 ottobre;

  • Allodola: dal 1° ottobre al 31 dicembre;

  • Beccaccia: dal 1° ottobre al 31 gennaio; dal 1° gennaio 2021 la caccia alla beccaccia è consentita solo nelle aree vocate al cinghiale e, nelle restanti aree, solo all’interno delle aree boscate (secondo la classificazione della legge regionale n. 39/2000);

  • Cesena e Tordo sassello: dal 1° ottobre al 31 gennaio;

  • Moretta: dal 1° novembre al 31 Gennaio;

  • Tordo bottaccio, Alzavola, Marzaiola, Canapiglia, Codone, Fischione, Germano reale, Marzaiola, Mestolone, Moriglione, Folaga, Gallinella d’acqua, Pavoncella, Porciglione, Beccaccino, Frullino, Colombaccio, Cornacchia grigia, Ghiandaia, Gazza e Minilepre: dal 15 settembre al 31 gennaio;

  • Volpe: dal 15 settembre al 31 gennaio. Nel mese di gennaio 2021 la caccia alla volpe può essere esercitata anche da squadre individuate dagli ATC nella forma della braccata con cane da seguita.


Cinghiale

Per quanto riguarda il cinghiale, nelle aree vocate il prelievo in braccata sarà consentito dal 1° ottobre 2020 al 31 gennaio 2021, nel rispetto dell’arco temporale di tre mesi consecutivi secondo i periodi indicati per ciascun Comprensorio:
  • AREZZO 1 e 2: dal 11 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021;
  • FIRENZE PRATO 4 e FIRENZE SUD 5: Dal 18 ottobre 2020 al 17 gennaio 2021;
  • GROSSETO 6 e 7: Dal 1° novembre 2020 al 31 gennaio 2021;
  • LIVORNO 9 e 10: Dal 1° novembre 2020 al 31 gennaio 2021;
  • LUCCA 12: Dal 1° novembre 2020 al 31 gennaio 2021;
  • MASSA 13: Dal 4 ottobre 2020 al 3 gennaio 2021;
  • PISA 14 e 15: Dal 1° novembre 2020 al 31 gennaio 2021;
  • PISTOIA 11: Dal 1° novembre 2020 al 31 gennaio 2021;
  • SIENA 3 e 8: Dal 1° novembre 2020 al 31 gennaio 2021.


Nelle aree non vocate, invece, il prelievo selettivo è consentito dal 1° di gennaio al 31 dicembre di ogni anno nei tempi previsti dal Piano di prelievo approvato in data 27 gennaio 2020.
Gli ATC possono riservare il prelievo selettivo sulla specie ai cacciatori di selezione iscritti alle squadre di caccia al cinghiale durante il periodo di caccia nelle aree non vocate sino a 400 metri dal confine delle aree vocate. Durante il periodo della caccia in braccata è consentito porre le poste in area non vocata sino a metri 100 oltre il limite dell’area vocata.

Calendari Venatori Toscana

BlackHunter

Adoro il vento di bora che soffia sul viso la mattina e sentire lo zirlo prima di vedere la freccia.
Adoro il ruomore nei rami fitti della beccaccia che si invola e adoro la mia squadra di cinghialai number 1

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente