Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Calendario Venatorio 2017/2018 rimane invariato...

Calabria Sentenza TAR CATANZAROOggi venerdì 15 settembre molti di noi aspettavano ansiosi l'ordinanza del TAR sul ricorso 929 del 2017 presentato dalle associazioni WWF di Vibo Valentia, Crotone, Cosenza - Sila Pollino e Calabria Citra per sospendere il calendario venatorio calabrese.

Le motivazioni del ricorso, presentato dalle associazioni ambientaliste, non sono state valide e, con l'ordinanza cautelare n.350/2017, il Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) di Catanzaro ha respinto la domanda di sospensione ritenendo efficace il piano faunistico corrente.

A difesa del calendario anche i rappresentanti di Federazione Italiana della Caccia, Associazione Nazione Libera Caccia e Anuu migratoristi italiani.
Pubblicato in Notizie

Preapertura confermata, ma ridotta a mezza giornata

Calabria preapertura ridotta 13

Con un comunicato di Federcaccia Cosenza, tramite la loro pagina facebook, apprendiamo che in Calabria è confermata la preapertura, ma ridotta rispetto a quanto pubblicato sul calendario. Con una decisione molto discutibile, che dovrebbe essere ufficializzata presto, per rispondere alle continue lamentele ambientaliste sul fronte siccità ed incendi si è scelto di limitare la preapertura alle ore 13.

Un provvedimento insensato che penalizza chi poteva cacciare solo di pomeriggio.
Pubblicato in Notizie

Scontro in diretta su sospensione caccia e preapertura su Rai Uno

Dibattito rai1 Si Caccia No cacciaBreve dibattito fra il presidente della LIPU, Mamone Capria ed il vicepresidenti di FEDERCACCIA Buconi. Il tema discusso è lo stop alla preapertura per colpa di siccità ed incendi. Ogni anno gli ambientalisti cercano in tutti i modi di mettere i bastoni fra le ruote dei cacciatori riportando informazioni parziali ed inesatte per pilotare i pensieri delle persone.
Lo scorso anno andava chiusa la caccia nel centro d'Italia per colpa del terremoto. A Gennaio si doveva chiudere per il troppo freddo. Adesso sono caldo e siccità i protagonisti dei discorsi ambientalisti. Peccato che di dati scientifici i verdi ne diano pochi o frutto di ricerche mirate a raccogliere dati per far scalpore.
Pubblicato in Notizie

Calabria Ammontano a ben 17 milioni di euro le quote pagate dai cacciatori calabresi tra il 2010 ed il 2016. Seppure per legge questi soldi sono vincolati alle politiche venatorie sono, invece fermi, nelle casse della regione Calabria.

Il denaro, come prescritto da norma, dovrebbe essere impiegato per la prevenzione ed il risarcimento dei danni agli agricoltori, per la vigilanza del territorio, per l'acquisto di fauna selvatica e per coprire le spese dei comuni per il rilascio del tesserino venatorio.

I soldi sborsati dai cacciatori sono, invece, fermi e bloccati in attesa di essere ripartiti ed investiti.
A lanciare l'accusa è il presidente provinciale di Federcaccia Cosenza, Antonio Greco, durante un incontro che vedeva partecipi anche i rappresentati di Libera Caccia, Coldiretti ed il consigliere regionale Mauro D'Acri.

Una situazione insostenibile per il settore che non permette investimenti e/o risposte serie al settore sempre più in crisi.

Qualora dovesse perdurare lo stato di incertezza e mancata attribuzione delle risorse ai vari ATC sia Antonio Greco che Paquale Paradiso, presidente provinciale di Libera Caccia potrebbero lasciare le loro cariche.
Pubblicato in Notizie

Associazioni Venatorie Oggi 29 giugno si è costituita la Fenaveri l'associazione che d'ora in poi rappresenterà gran parte del mondo venatorio italiano a livello nazionale ed internazionale.
La confederazione viene unirsi la Federazione Italia della Caccia (Fidc), Enalcaccia, Arcicaccia e Anuu Migratoristi sotto un unico stemma ed un unico scopo. Le quattro associazioni rappresentano più dei due terzi del cacciatori italiano ed insieme si apprestano a dialogare per un progetto solido e capace di ottenere più facilmente gli obiettivi prefissati.

Inizialmente la presidenza sarà ricoperta da FederCaccia, la vicepresidenza vicaria da Enalcaccia e la vicepresidenza dalle altre due associazioni.
Pubblicato in Notizie

Uniti si vinceA Gardone Valtrompia, nel bresciano, ieri si sono radunati oltre 5 mila cacciatori che uniti hanno sfilato per dimostrare la loro presenza ed i loro diritti. A dimostrare l'"Orgoglio venatorio" cacciatori da tutta Italia, in particolare Bergamo e Brescia assieme alle associazioni FederCaccia, EnalCaccia, Acl, CPA e Anuu Migratoristi e diversi sindaci locali. Nutrito anche il gruppo rappresentatrice delle cacciatrici.

La manifestazione ha avuto l'obiettivo di mandare un chiaro segnale alla politica affinché si intervenga con decisioni a favore del settore.

L'allegra giornata è stata però interrotta verso le 14 quando un gruppo di ambientalisti su un punto in vista hanno aperto uno striscione con la scritta "Basta Caccia" ed acceso diversi fumogeni.
Pubblicato in Notizie

Cacciatori col cane In meno di due anni il quarto ricorso da parte delle associazioni contrarie alle disposizioni approvate nel calendario venatorio piemontese. Regolamenti super restrittivi che non permettono di cacciare le specie pernice bianca, lepre variabile e allodola da sempre nella lista delle prede cacciabili. I precedenti ricorsi avevano accorto positivamente le richieste delle associazioni, ma nonostante ciò la Regione Piemontese ha varato un ennesimo calendario, in alcune scelte insensate, che ben si discosta dalle disposizioni nazionali.

Le associazioni venatorie che si considerano sbeffeggiate per l'ennesimo ricorso costrette a depositare e per dimostrare il completo dissenso al nuovo calendario venatorio, per il quale non sono state minimamente considerate dall'amministrazione regionale, si sono unite, Federcaccia, Anlc, EnalCaccia, Eps, Anuu migratoristi, e hanno organizzato una manifestazione prevista per il 10 giugno a Torino.

Pubblicato in Notizie

Dipinto Beccaccia In seguito al ricorso del Tar della Liguria che ha ribadito la legittimità della caccia al tordo fino al 31 Gennaio 2016 e ai risultati scientifici che attestano l'inizio delle fasi riproduttive delle tre specie (considerando sia il Tordo Bottaccio ed il Tordo Sassello) successivamente alla data indicata le associazioni sarde, CPA, FIDC e UCS (Unione Cacciatori Sardegna) hanno scritto una lettera affinché si possa ridiscutere i termini della caccia al Tordo e alla Beccaccia.
I destinatari di tale lettera sono il Comitato Faunistico Regionale (CRF), le province sarde e l’Assessore all’Ambiente Donatella Spano e si spera così di inserire nella prossima riunione del CRF, del 13 gennaio, la ridiscussione della chiusura anticipata di Tordo e Beccaccia.
Pubblicato in Notizie

Le Associazioni Venatorie, come spiega l'Art.34 della legge 157 sulla caccia svolgono finalità ricreative, formative e tecnico-venatorie operando su tutto il territorio con sedi periferiche. Si battono per gli interessi ed i diritti dei cittadini cacciatori combattendo anche l'illegalità ed i bracconieri.

Esse non perseguono scopri di lucro e sono aperte a chiunque sia interessato a tesserarsi. Le assicurazioni riconosciute attuano anche servizi assicurativi di vario tipo per tutti i cacciatori.

Attorno alle riconosciute ci sono anche molte altre associazioni, per lo più spesso a carattere locale, che operano per la conservazione delle tradizioni e della caccia.
Pubblicato in Cacciapedia

Negli ultimi anni la produzione annuale di castagne è in crollo a causa di un insetto, il Drycosmus Kuriphilus (conosciuto anche come vespa del castagno)un cinipide giunto sin qui dalla lontana Cina, probabilmente per caso, che si nutre delle infiorescenze dei castagni rendendoli sterili.

Non avendo nemici naturali da noi, la vespa del castagno, si è potuta diffondere all'inverosimile provocando danni enormi ai nostri castagneti.

Un vero fragello che in USA e Giappone è stato affrontato grazie alla lotta biologica. In particolare grazie al Torymus, un imenottero ghiotto delle larve del parassita dei castagni.

Pubblicato in Notizie
Pagina 1 di 2