Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Domenica, 06 Dicembre 2020 12:54

Daniela Martani e la cacciatrice ospiti alla " La Zanzara"

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Io sono vegana, sono sana, non me so mai drogata in vita mia...

Daniela Martani e la cacciatrice ospiti alla La Zanzara Ospite della trasmissione radiofonica "La Zanzara" Daniela Martani parla prima del vaccino covid e successivamente della notizia della condanna di Paolo Mocavero, leader del movimento 100% animalisti, per le offese rivolte al campione Roberto Baggio per la sua passione da cacciatore.

Martani rappresenta buona parte degli ambientalisti estremisti di oggi giorno.
Questi personaggi sfruttano i social per sponsorizzare le proprie idee e diffondere il proprio personale punto di vista senza però dettagliare e contestuale i propri concetti.
Applicando così il concetto di essere "alternativi e in controtendenza" si riesce anche ad ottenere un buon seguito di persone riuscendo ad influenzarle trasmettendo purtroppo molta disinformazione.

Ecco, infatti, che quando poi arriva il dibattito con la contro parte spesso critica, questi talentuosi personaggi, ottengono solo magre figure finendo per offendere e non saper movimentare le proprie idee se non elencano le solite frasi preconfezionate: "assassini", "impotenti", "persone frustate"...
Quanti di questi conoscono realmente il mondo rurale e la natura?

Questa volta la Martani si è trovata di fronte la cacciatrice Antonietta Mechelli di Viterbo.
Specializzata nella caccia alle beccacce, Antonietta ama vivere il bosco assieme ai suoi amati dove con tanta fatica svolge la sua passione.
Passione che cerca di trasmettere anche ai suoi figli (ben 5) cercando, anche, di fargli apprezzare il territorio ed insegnargli come rispettare la natura conoscendola.

Riuscirà la Martani a far valere le sue opinioni o finirà ad insulti?
Nel video seguente l'intervista:



Pregiudizi e cattiveria per un mondo, quello venatorio che non si conosce e che non sembra più appartenere alla società moderna fatta di vita da città in un "micromondo protetto" formato da negozi dove far shopping ed i locali da frequentare per vivere la movida.
Alzarsi presto, camminare tanto, faticare tantissimo (la caccia non è solo andare a sparare in quei pochi mesi) a volte per nulla e stare in posti dove il proprio smarphone non prende non è da tutti e si finisce per criticare...
Antonietta, durante l'intervista, ha ben sottolineato che lei farà conoscere ai suoi figli la sua passione e saranno solo loro a scegliere se praticarla o meno...

Spiegare il gusto della caccia a uno che ne è nato privo, è come spiegare il colore a un cieco. Ernest Hemingway
demk

Cresciuto con una passione enorme per la caccia e la natura ha cominciato ad avvicinarsi alla ricarica ed al mondo venatorio grazie al padre. Sempre in cerca di nuovi accorgimenti e prodotti ha pensato bene di creare una community incentrata attorno alla caccia dove apprendere nuove tecniche e scambiarsi opinioni. I suoi carnieri sono spesso vuoti, ma ogni uscita gli regala un'emozione e spesso si perde fra le nuvole ammirando paesaggi straordinari o valutando le condizioni meteo.

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente