Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Lunedì, 07 Maggio 2018 22:09

Toscana, cacciatore assolto dall'accusa di non aver annotato sul tesserino i capi abbattuti

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

google+

linkedin

Cacciatore vince ricorso di contestazione sulla mancata immediata annotazione dei capi abbattuti

appostamento fisso di caccia Nei giorni scorsi avevamo visto come la Regione Toscana si sia impegnata a chiarire quando esattamente deve avvenire l'annotazione sul tesserino dei capi abbattuti.
Arriva la prima conseguenza della mozione con l'assoluzione di un cacciatore assistito dalla associazione Federcaccia.
L'uomo aveva contestato, mesi fa, un verbale di due guardie ambientali volentarie in cui gli contestavano la mancata annotazione dei capi di selvaggina migratoria abbattuti come previsto dalla legge nazionale 157/92.

Il cacciatore, da parte sua, aveva spiegato alle guardie che senza un esame ravvicinato poteva annotare male il tesserino rischiando di falsare i dati sulla fauna prelevata.
Alcune specie, infatti, possiedono differenze minime non riconoscibili a distanza come nel caso dei turdidi. In più, la verifica dopo ogni sparo andato a segno, renderebbe di fatto impossibile praticare la caccia d'appostamento.
La Regione Toscana, facendo riferimento alla legge regionale 3/94 ha dato ragione al cacciatore ribadendo che l'annotazione della fauna selvatica, sia essa stanziale che migratoria, debba avvenire subito dopo l'abbattimento accertato. Nella normativa regionale è stata inserita volutamente la parola "accertato" per chiarire che l'annotazione deve avvenire una volta che si è riusciti a recuperare ed identificare esattamente il capo abbattuto.

Federcaccia e Confederazione Cacciatori Toscani, soddisfatti della presa di posizione da parte della regione chiedono, adesso, di verificare che gli agenti di vigilanza sul territorio si adeguino alle valutazioni espresse dagli uffici regionali della Direzione Agricoltura e Sviluppo rurale che si occupano di attività di controllo e sanzionamento amministrativo.

antoliva

Amante della caccia migratoria, della caccia vagante col cane (soprattutto alla regina) e della ricarica. Sparo da sempre col Beretta A301 cal.12 e possiedo setter, breton e springer.
Amministro su Facebook due gruppi Blog dei cacciatori(gruppo segreto su invito con oltre 3mila membri) e Tutto caccia(oltre 2mila membri) dove scambiare quattro chiacchiere fra caccia

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente

Login

Ultimi commenti