Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Mercoledì, 09 Maggio 2018 00:29

I cacciatori sostengono il Parco Nazionale del Locarnese in Svizzera

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

google+

linkedin

"Vogliamo correggere l'immagine di un mondo venatorio unanimemente contrario"

Progetto Parco Nazionale del Locarnese. Village of Berzona in the community of Isorno, Onsernone Valley Fonte WikipediaIl prossimo 10 giugno, i cittadini dei comuni svizzeri coinvolti dall'iniziativa sarà chiamata ad esprimersi, in sede di votazione, sulla creazione del Parco Nazionale del Locarnese. Quest'ultimo si estenderà sulla sponda destra della Maggia e nelle valli Onsernone e Centovalli, comprendendo i Comuni di Ascona, Losone, Brissago, Ronco s/Ascona, Terre di Pedemonte, Centovalli, Onsernone e Bosco Gurin.

Fra chi appoggia la creazione del Parco anche venti cacciatori impegnati attivamente alla promozione dell'instaurazione dell'area protetta. L'impegno dei cacciatori intende dimostrare come sia falsa l'idea, largamente diffuso, che il mondo venatorio sia contrario al sostegno del territorio.

Il parco andrà a ricoprire circa il 16,8% del territorio (in questo anche alcune zone di Gridone e Onsernone dove già la caccia è bandita) e questo piccolo "sacrificio", per gli amanti dell'arte venatoria, sarà ricompensato da prospettive positive per l'intera popolazione e soprattutto per le generazioni che verranno che potranno godere delle aree protette.
La riserva garantirà anche una notevole valorizzazione del territorio e del paesaggio a vantaggio delle attività agro-pastorali e della comunità.

Basti pensare, inoltre, che attorno al Parco in questi anni si sono svolti oltre 150 progetti pilota, portati avanti da enti ed attori locali, che hanno rivalutato molte zone portando benessere e nuovi posti di lavoro.

Se la creazione del Parco andrà a buon fine esso avrà la durata di 10 anni duranti i quali le regole concordate non potranno essere cambiate. Solo al termine del periodo prestabilito si potrà tornare alle urne per rinnovare o meno l'adesione del proprio Comune al Parco.
Per i cacciatori coinvolti il Parco rappresenta un enorme vantaggio ed una preziosa occasione per garantire un futuro alle giovani generazione delle sue valli e questa non deve essere assolutamente persa ed invitano i cittadini a sostenere il progetto.

demk

Cresciuto con una passione enorme per la caccia e la natura ha cominciato ad avvicinarsi alla ricarica ed al mondo venatorio grazie al padre. Sempre in cerca di nuovi accorgimenti e prodotti ha pensato bene di creare una community incentrata attorno alla caccia dove apprendere nuove tecniche e scambiarsi opinioni. I suoi carnieri sono spesso vuoti, ma ogni uscita gli regala un'emozione e spesso si perde fra le nuvole ammirando paesaggi straordinari o valutando le condizioni meteo.

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente