Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo


Martedì, 21 Agosto 2018 21:51

Isole Fær Øer i cacciatori si difendono lo facciamo per sopravvivere

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

google+

linkedin

Non cacciamo nessun animale protetto e la carne rimane sull'isola e non commercializzata altrove

Isole Faroe caccia baleneOgni anno, dal XII secolo, fra luglio e settembre si svolge la Grindadráp dove quasi tutta la comunità dei faroesi si raduna per cacciare le balene e far provviste per il lungo e rigido inverno.

Le Fær Øer sono una regione autonoma della Danimarca dell'Atlantico del Nord i cui abitanti vive fra modernità e tradizione in uno dei climi più ostili del mondo dove ogni risorsa arriva via mare. Per questo la Grindadráp è vista dagli isolani come un momento di gioia e felicità. Come dargli torto, si stanno per rifornire i magazzini per affrontare il rigido inverno.

Tuttavia questo stile di vita, ormai fuori moda, attira l'attenzione di molti attivisti da tutto il mondo che non approvano queste tradizioni.

Nonostante esita una moratoria internazionale che vieta la caccia alle balene, Fær Øer, Islanda e Giappone continuano a svolgerla.

I faroesi godono della protezione del governo danese per continuare a svolgere a le loro attività di caccia ed invitano le persone a conoscere meglio le loro tradizioni prima di giudicarli.

Come avviene la caccia e perché è differente dalle altre mattanze?

La caccia alle balene sulle isole faroesi si svolge esclusivamente alla balena pilota specie non protetta ed esclusivamente per il consumo locale. La Grindadráp coinvolge circa 800-900 esemplari (intorno allo 0,1% della popolazione totale a fronte di un 3% di nascite ogni anno) ogni anno e coinvolge quasi tutti gli abitanti delle isole.

La caccia non ha date prestabilite, non appena comincia ad arrivare la bella stagione si monitora il mare in cerca di avvistamenti. Quando si scorge un branco numeroso vengono allertati tutti e si esce in mare con le barche. L'intento della caccia è cercare di creare un semicerchio attorno al branco e deviarlo verso riva. Qui si compie l'atto che può sembrare più macabro in cui le balene una per una vengono arpionate e tirate su o a riva lasciando un'enorme chiazza rossa.
Un "rituale" per chi non abituato che può apparire barbaro e violento, ma alla fine quella carne fa davvero comodo alle famiglie.
Ogni animale pesa attorno ai 700kg e la carne ottenuta viene suddivisa secondo un metodo preciso ed antico che prevede per primi le persone anziane che non hanno potuto partecipare alla caccia e solo per ultimi si suddivide fra chi ha preso parte alla caccia.
Ogni partecipante può portare a casa dalle 10 ai 20kg di carne a seconda di quanto proficua è stata la battuta.

Il rituale si svolge sempre e solo se le balene transitano nelle vicinanze di un'isola. Può capire due o tre volte l'anno o mai. Un'isola dell'arcipelago è stata per 40 anni "snobbata" dalle balene e, quando sono ritornate, solamente i più anziani sapevano come si svolge la caccia.
Difficile sicuramente giustificare la caccia alle balene, ma almeno alle Fær Øer è gestita in maniera intelligente e sostenibile. Alla fine chiunque di noi mangia carne vuole dire che un animale si sacrifica...

BlackHunter

Adoro il vento di bora che soffia sul viso la mattina e sentire lo zirlo prima di vedere la freccia.
Adoro il ruomore nei rami fitti della beccaccia che si invola e adoro la mia squadra di cinghialai number 1

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente

Login

Mercatino

Magliette caccia Beccaccia
(Caccia / Abbigliamento)

Magliette caccia Beccaccia
10-18-2018

Strozzatori Midas cal12
(Armi / Accessori)

Strozzatori Midas cal12
09-15-2018

Ultimi commenti