Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Sabato, 07 Ottobre 2017 13:13

Ottobre 2017 il passo entra nel vivo

Scritto da

Abbassamento delle temperature e venti da nord fanno ben sperare

Inizio passoVenti moderati dal settentrione e calo delle temperature col tempo in miglioramento fanno ben sperare gli appassionati migratoristi.
Previsti dal 9 al 15 anche un periodo di alta pressione che dovrebbe mantenere il tempo stabile con sole alternato a passaggi nuvolosi quasi sempre innocui.

Nel nord Europa, invece, continua la bassa pressione e l'aumento del freddo che potrebbe arrivare da noi da metà mese portando instabilità e ulteriore diminuzione delle temperature.

Queste condizioni climatiche con venti da nord potrebbe favorire il passo, già vivo al nord Italia.

A Stilo Cinghiale abbattuto era afflitto da turbercolosi...

Cinghiale Turbercolosi Con l'inizio della stagione di caccia al cinghiale, il Servizio Veterinario dell'Azienda Sanitaria Provinciale (ASP) di Reggio Calabria ha intensificato le attività di controllo e prevenzione lanciando un appello a tutti i cacciatori.

Lo scorso anno il Servizio Veterinario Area B Igiene degli Alimenti di origine animale dell’ASP di Reggio Calabria ha sottoposto a controlli circa mille sfoglie di cinghiali abbattuti dai cacciatori. Solamente una parte di tutti gli animali abbattuti vengono sottoposti a controlli.

L'ispezione, sostiene l'ASP, è necessaria prima di commercializzare e/o consumare le carni al fine di certificarne la sicurezza.

Non si può escludere l’uso dell’arma per difesa personale o, senza colpa, nell’esercizio dell’attività venatoria.

Setter CaneNel 2009, un cacciatore residente nella provincia di Foggia, si è ritrovato a dover difendere il proprio setter durante una battuta di caccia dall'aggressione di un Pitbull libero. Per difendere e garantire l’incolumità fisica dell'amato cane il cacciatore è dovuto intervenire utilizzando il fucile.

La Questura ha però valutato un non corretto impiego dell'arma, legittimamente detenuta, ed ha provveduto a vietare la detenzione di armi e munizioni all'uomo e a revocargli la licenza di porto d'armi.

Dopo anni è finalmente arrivato il giudizio del TAR della Regione Puglia a cui il cacciatore aveva presentato ricorso contro la Prefettura, il Ministero dell'Interno e la Questura.
Mercoledì, 04 Ottobre 2017 09:02

Puglia, si a deroga per la caccia allo storno

Scritto da

Autunno Arrivo StorniLa Giunta regionale approva la delibera che consente il prelievo in deroga sino al 14 gennaio 2018 alla specie storno.
Il provvedimento si è reso necessario al fine di tutelare gli agricoltori, in particolare, delle zone tra Bari e Brindisi che negli anni passati hanno sofferto di ingenti da danni alle colture per colpa di questa di specie.

La delibera è anche frutto delle richieste delle varie associazioni di categoria e monitoraggi e studi sul campo sulla presenza abituale dello Storno nella Regione Puglia.

Il prelievo sarà concesso solo ad operatori preventivamente autorizzati e regolarmente iscritti agli ATC per un massimo di 10 capi giornalieri e per un limite massimo stagionale di 30. La caccia sarà attiva nelle aree in presenza di coltivazioni di oliveti e orticole.
Lunedì, 02 Ottobre 2017 20:22

Caccia vicino le case, scoppia lite e gli spara

Scritto da

La Spezia imbraccia il fucile e spara al culmine di una lite

Lite Cacciatore SparaL'episodio è avvenuta a Tavolara nei pressi di Sarzana a La Spezia. Non sono ancora chiare le dinamiche, ma un'ennesima lite fra Jamaal Madboui, marocchino 47ene sposato e con tre figli ed il cacciatore Daniele Rustighi 59enne di Castelnuovo è terminata con un colpo di fucile sparato dal cacciatore e che ha raggiunto all'addome Jamaal.
L'uomo è in gravissime condizioni ed è stato subito trasportato in elisoccorso al Noa di Massa.

Il Cacciatore sarebbe prontamente fuggito, ma alcuni testimoni hanno indirizzato i carabinieri verso l'abitazione dell'uomo. Rustighi ha dapprima negato, ma di fronte alle evidenze ha confessato l'accaduto.
Pagina 3 di 93