Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Era convinto di aver sotto mira un Cervo

Incidente val RendenaSi conclude, per adesso, ad un patteggiamento ad un anno di pena il processo per omicidio colposo che ha visto il 53enne Luigi Da Rin D'Iseppo protagonista di un tragico incidente svolto lo scorso 11 settembre.
L'uomo era a caccia in Val Rendena assieme ad un gruppo di amici, era quasi giunto l'imbrunire che, destato da un fruscio e credendo di aver nel mirino un cervo, sparò colpendo, invece, l'amico Michele Penava.
L'uomo 70enne fu raggiunto al ventre, ma nonostante gli immediati soccorsi con l'arrivo dei Vigili del Fuoco e l'arrivo sei sanitari in elicottero non ci fu nulla fare. Michele Penasa era un guardiacaccia in pensione molto conosciuto in zona.

I carabienieri giunti per ricostruire l'accaduto identificarono che a commettere il tragico errore fu Luigi Da Rin D'Iseppo.

Partito il processo penale la vicenda si è conclusa ieri davanti al giudice Claudia Miori con un accordo tra l'avvocato della difesa Mauro Bondi e il pm Marco Gallina.
L'uomo dovrà scontare un anno di reclusione in attesa, adesso, del procedimento civile per il risarcimento del danno.
Tuttavia la pena inflitta non soddisfa i familiari della vittima che avevano richiesto più volte un approfondimento delle indagini per chiarire i dubbi ancora presenti sulle dinamiche dell'incidente di caccia.
A tradire il cacciatore sembra si stata la scarsa visibilità data dalla zona boschiva e dall'orario.

Si improvvisano cacciatori in un'area verde della città

Palermo polizia forestale In città, zona Calatafimi, esattamente in via Riserva Reale a Palermo, in un'area verde, alcuni residenti hanno allertato le autorità a causa dei continui colpi di arma da fuoco sparati a ridosso delle abitazioni.
Gli agenti arrivati sul luogo hanno provveduto a fermare tre giovani esattamente di 22, 25 e 15 anni. I tre armati di un fucile calibro 10 e due fucili ad aria compressa, tutti e tre vietati per uso caccia, sparavano per diletto a tutti gli animali che avvistavano.
Sul posto sono intervenuti anche i forestali del distaccamento di Villagrazia.
Mercoledì, 25 Aprile 2018 23:51

Brescia fermato 55enne cacciava cinghiali di frodo

Scritto da

L'uomo ben attrezzato cacciava nelle ore notturne

Brescia Fucile Modificato Bracconiere Proprio nel ben mezzo della stagione riproduttiva e dei primi piccoli un 55enne residente nella bassa Valsabbia ha provato a cacciare di frodo i cinghiali.
Fermato in tempo dagli agenti del Nucleo ittico-venatorio della Provinciale in perlustrazione proprio per contrastare le attività di frodo era in attività di caccia fuori periodo nelle ore notturne.
L'uomo era ben attrezzato con fucile carabina a canna rigata con ottica e silenziatore artigianale gli permetteva di far fuoco in maniera tranquilla e senza alterare le altre prede o eventuali persone in zona.

L'uomo dovrò, adesso, rispondere per i reati di tipo venatorio e di possesso di arma illegale.
Mercoledì, 25 Aprile 2018 09:47

Frittata di Asparagi Selvatici

Scritto da

Frittata Asparagi Selvatici Primavera è tempo di sole e belle passeggiate, ma anche di asparagi! Non difficili da trovare (Un pomeriggio ad asparagi), gli asparagi hanno importanti proprietà disintossicanti e diuretici nonché ricchi di vitamine, sali minerali e sostanze energetiche caratteristiche importanti per aiutarci a prepararci per la bella stagione.

Gli asparagi possono essere serviti come antipasto, sbollentati o in molte varianti. Un classico è la frittata, piatto rustico, ideale da essere consumata calda, ma ottima anche fredda e consigliata per le scampagnate all'aperto.
Se possibile, per la frittata scegliamo gli asparagi selvatici, generalmente più piccoli, sottili, ma teneri e saporiti.
Con un piatto semplice e veloce conquisteremo il palato dei nostri ospiti ed anche dei più piccini spesso restii a consumare verdure.
Lunedì, 23 Aprile 2018 22:00

Colombaccio Arrosto alla Folignese

Scritto da

Colombaccio Folignese Arrosto Tempo fa ho visto una puntata di Unti e Bisunti dove lo Chef Rubio ci ha portato in Umbria, a Foligno, per mostrarci una pietanza tipica della zona, il Piccione arrosto farcito con frattaglie e salsiccia di maiale. Il piccione viene cotto in padella e letteralmente annegato con del vino bianco insaporendosi ed ammorbidendosi diventando buonissimo.

Dalle mie parti è ormai rarissimo trovare chi alleva i colombi per carne e così ho pensato di riproporre la ricetta per il "cugino" Colombaccio.

All'inizio ero un po' scettico, a differenza del piccione non è facile trovare Colombacci molto grassi o teneri. Tuttavia, stando attendo a selezione i più giovani, devo dire che alla fine non posso pentirmi e sono stato molto soddisfatto del risultato finale sorprendendo anche gli amici.

Cucinare il Colombaccio non è mai semplice, ma vediamo assieme come preparare il Colombaccio Arrosto in stile folignese.