Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Sabato, 19 Maggio 2018 09:47

Liguria, proposto il giubbottino catarifrangente per i cercatori di funghi

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Difficile convivenza cacciatori/fungaioli. Arriva l'obbligo di rendersi altamente visibili nei boschi

Novità cercatori funghi liguriaIl tempo "ballerino" di maggio e le piogge di queste giorni seguite dal sole accendono la passione dei tanti appassionati di funghi ed i boschi di faggi, castagni o pini vengono presi d'assalto.
Quest'anno, però, i cercatori di funghi dovranno far attenzione ad alcune novità.
Alcuni consorzi hanno già reso obbligatorio l'uso dei giubbotti catarifrangenti ai cercatori di funghi.
Arriva, adesso, anche la proposta di legge 179, di Angelo Vaccarezza e Claudio Muzio che imporrà, ai ricercatori di funghi, all'acquisto del tesserino, di essere dotati del giubbotto catarifrangente ad alta visibilità.

Questo imporrà gli appassionati ad indossare il capo catarifrangente e, questo semplice gesto, potrebbe permettere di ridurre il rischio di incidenti e rendere più semplice la convivenza sul territorio di cacciatori e ricercatori di funghi.

La decisione arriva in seguito all'incidente dello scorso ottobre in cui un fungaiolo perse la vita colpito da una pallottola vagante durante una battuta di caccia.
Essere facilmente visibili fra gli alberi aumenterà sicuramente la sicurezza degli appassionati di funghi che, in Liguria, dovranno ricordarsi di uscire oltre che col classico cesto col giubbino ad alta visibilità.

BlackHunter

Adoro il vento di bora che soffia sul viso la mattina e sentire lo zirlo prima di vedere la freccia.
Adoro il ruomore nei rami fitti della beccaccia che si invola e adoro la mia squadra di cinghialai number 1

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente