Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Sabato, 28 Marzo 2020 09:26

Maccheroni al cinghiale

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Primo piatto eccezzionale!!!

Maccheroni al cinghiale Dopo un'intenso week end di caccia al cinghiale è giusto anche trarne soddisfazione a tavola.
Questa volta mi trovo in Calabria, mia terra nativa, dove ho pensato di abbinare il frutto del nostro duro lavoro a caccia con uno dei tipi di pasta tradizionale più apprezzato nella regione.
Ad aiutarmi sarà mia madre che, da ottima calabrese, sa preparare degli ottimi maccheroni freschi in casa con l'uso del ferretto.

Andremo, quindi, a realizzare un piatto dagli ingredienti "semplici", ma molto delicato ed al tempo stesso gustoso dove potrai apprezzare al meglio il sapore deciso del cinghiale.

La preparazione è lunga, ma non impegnativa. La carne di cinghiale è magra e più scura di altri tipi di animali perchè ricca di fibre. Quest'ultime tendono a far diventare la carne piuttosto dura e stopposa, ma con la giusta accortezza possiamo andare a rendere la carne saporita e tenera.

Nel caso dei cinghiali selvatici presi in battuta, con l'adrenalina in circolo che irrigidisce i muscoli, io preferisco compiere una buona marinatura.
La marinatura, nata come metodo di conservazione, permette di ammorbidire ed aggiungere gusto alla selvaggina. I principali componenti di una buona marinatura sono:
  • - una base alcolica, che permette di scomporre le fibre ammorbidendo la carne;
  • - una base acida (vino o limone), che aiuta la base alcolica a denaturare le proteine nel collagene rendendo la carne tenera;
  • - spezie per insaporire il tutto;
  • - sale per far uscire i liquidi in eccesso.


Io procedo tagliando la carne a pezzi e trasferendo i bocconcini di carne in una terrina capiente dove ricopro con acqua e sale. Lascio riposare per circa 12h dopo di che elimino l'acqua ed asciugo ben bene la carne.
Riponiamo di nuovo la carne nella terrina e ricopriamola di vino rosso, il succo di un limone, coste di sedano, una cipolla rossa, delle bacche di ginepro, rosmarino, pepe in grani, salvia e alloro. Ripongo tutto in frigo per almeno 12 ore.. Al termine basta scolare il tutto, rimuovere le spezie e la carne sarà pronta per le nostre preparazioni..

Preparazione

Andiamo a preparare il cinghiale in umido che poi utilizzeremo anche per condire la pasta.
Per questa preparazione prenderemo parti del costato, della pancia, cotenna ed una parte del prosciutto. Tagliamo a pezzi piccoli la carne e mariniamola.
Al termine rosoliamo in casseruola dell'aglio in olio di oliva. A fiamma alta andiamo a rosolare la carne di cinghiale e sfumiamo con un biccchiere di vino rosso corposo.
Aggiungiamo un trito di spezie a piacere. Io ho aggiunto solamente del pepe tritato al momento e bacche di ginepro. Aggiungiamo due mestoli di brodo e abbassiamo la fiamma. Copriamo con coperchio lasciando un piccolo sfiato. Di tanto in anto aggiungiamo del brodo tiepido. Se notiamo che la carne tende ad asciugarsi. Il tutto gira e rigira dovrà cuocere per circa due orette. Per essere sicuri della cottura proviamo con una forchetta a testare la carne oppure se ci sono ossa proviamo a vedere se la carne si stacca facilmente.

Scartiamo i pezzettini di carne più piccoli facendo attenzione che non ci siano ossicini e prendiamo un po' di fondo di sugo dalla carne. Con questo andremo a condire i maccheroni o qualsiasi altro tipo di pasta che tu abbia a disposizione. Col cinghiale si sposano benissimo anche le tagliatele o le pappardelle.
Il resto lasciamo in pentola al caldo e serviamo dopo il primo serviamo in una pirofila.....
Buon Appetito!


Una piccola variante potrebbe essere l'aggiunta dei funghi porcini a pezzi e se preferite anche due o tre cucchiai di concentrato di pomodoro.

Per accompagnare è indicato del buon vino rosso corposo e leggermente fruttato come un un Cirò o un Nero d'Avola, ma possiamo anche utilizzare un buon Chianti. Cinghiale in umido
demk

Cresciuto con una passione enorme per la caccia e la natura ha cominciato ad avvicinarsi alla ricarica ed al mondo venatorio grazie al padre. Sempre in cerca di nuovi accorgimenti e prodotti ha pensato bene di creare una community incentrata attorno alla caccia dove apprendere nuove tecniche e scambiarsi opinioni. I suoi carnieri sono spesso vuoti, ma ogni uscita gli regala un'emozione e spesso si perde fra le nuvole ammirando paesaggi straordinari o valutando le condizioni meteo.

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente