Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Sabato, 06 Maggio 2017 10:56

Il satellite per censire gli uccelli a rischio estinzione

Scritto da 

google+

linkedin

albatri La tecnologia sta facendo passi da gigante e l'organizzazione britannica per le ricerche sull'Antartide ha lanciato il "censimento spaziale" una tecica che sfrutta le immagini ad altissima risoluzione del satellite commerciale WorldView-3 per identificare i singoli volatili nelle colonie più inaccessibili senza creare alcun tipo di interferenza nei loro habitat.

Lo studio ha preso in considerazione i "grandi albatri" che raggruppano nella loro famiglia gli uccelli con l'apertura alare più grande al mondo.
L'albatro urlatore, nonostante la sua apertura alare di oltre 360cm e circa 10kg di peso rientra fra le specie vulnerabili e nonostante il rischio estinzione non esistono, al momento, censimenti certi sul numero di individui.


Questo perchè gli albatri si accoppiano in luoghi molto remoti e difficilmente raggiungibili. Pensare di censire gli albatri avrebbe, quindi, un costo esorbitante.
Il passo dei tempi ha però rivoluzionato anche il modo in cui potremmo monitorare gli animali nel futuro.
Sfruttando i satelliti è possibile catturare immagini provenienti da ogni parte della terra a costi ridotti ed in breve tempo.
L'accuratezza delle immagini raccolte è così alta da permettere, addirittura di censire accuratamente gli esemplari albatro urlatore di una colonia dell'arcipelago della Gergia del Sud. I dati raccolti sono stati in linea a quelli raccolti tradizionalmente ed è partito il "censimento spaziale" anche per altre colonie in zone meno note e difficili da raggiungere nelle Isole Chatham ed a est della Nuova Zelanda.

Probabilmente in futuro potremmo monitorare quasi in tempo reale alcune specie animali e comprendere immediatamente quali specie particolamente proteggere e curare in base alle reali esigenze.

google+

linkedin

Adoro il vento di bora che soffia sul viso la mattina e sentire lo zirlo prima di vedere la freccia.
Adoro il ruomore nei rami fitti della beccaccia che si invola e adoro la mia squadra di cinghialai number 1

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente