Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Giovedì, 10 Maggio 2018 23:39

Proposta Calendario Venatorio Lazio 2018/2019

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

google+

linkedin

Pointer TedescoIn questi giorni la Regione Lazio dovrebbe esprimersi in merito al Calendario Venatorio 2018/2019. Nel frattempo è già disponibile una bozza che ripercorre quasi interamente le indicazioni dello scorso anno. Se confermato, rispetto allo scorso anno, il Tordo Sassello, Tordo Bottaccio e Cesena potranno essere cacciati per tutto il mese di gennaio e non sino al 20.
Le giornate di preapertura dovrebbero essere 2 nelle giornate 1 e 2 settembre 2018 durante le quali sarà concesso l'esercizio venatorio esclusivamente da appostamento fisso o temporaneo senza l'ausilio del cane. Le specie concesse in preapertura sono cinque, Cornacchia Grigio, Gazza, Merlo, Ghiandaia e Tortora con il limite a 20 capi complessivi a giornata di cui non più di cinque capi per Merlo e Tortora.
Niente da fare, quindi, per chi sperava venisse concesso in preapertura anche il Colombaccio.
Perse le giornate rese disponibili lo scorso anno a febbraio.

Apertura generale

La stagione venatoria inizierà ufficialmente il 16 settembre e terminerà il 31 gennaio.

Caccia in preapertura

Con l’esclusione dei territori ricompresi nelle Zone di Protezione Speciale (ZPS), nei giorni 01 e 02 settembre 2018 dalle ore 5.35 alle ore 19.45. L'esercizio venatorio è consentito esclusivamente da appostamento fisso o temporaneo, senza l’ausilio del cane alle specie:
  • Cornacchia grigia (Corvus corone cornix);
  • Gazza (Pica pica);
  • Ghiandaia (Garrulus glandarius);
  • Merlo (Turdus merula);
  • Tortora (Streptopelia turtur turtur).
Il limite di prelievo giornaliero è fissato a 20 capi complessivi di cui massimo 5 per le specie Merlo e Tortora.

Principali date


Dal 16 Settembre al 31 Ottobre 2018: Quaglia (Coturnix coturnix), Tortora (Streptopelia turtur),
Dal 16 Settembre al 9 Dicembre 2018: Lepre europea (Lepus europaeus).
Dal 16 Settembre al 31 Dicembre 2018: Coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus), Fagiano (Phasianus colchicus).
Dal 16 Settembre al 31 Gennaio 2019: Alzavola (Anas crecca), Beccaccino (Gallinago gallinago), Canapiglia (Anas strepera), Codone (Anas acuta), Fischione (Anas penelope), Folaga (Fulica atra), Frullino (Lymnocryptes minimus), Gallinella d'acqua (Gallinula chloropus), Germano reale (Anas platyrhynchos), Marzaiola (Anas querquedula), Mestolone (Anas clypeata), Moriglione (Aythya ferina), Pavoncella (Vanellus vanellus), Porciglione (Rallus aquaticus), Volpe (Vulpes vulpes).
Dal 19 Settembre al 31 Dicembre 2018: Merlo (Turdus merula).
Dal 1 Ottobre al 29 Novembre 2018: Starna (Perdix perdix).
Dal 1 Ottobre al 31 Dicembre 2018: Allodola (Alauda arvensis).
Dal 1 Ottobre al 20 Gennaio 2019: Beccaccia (Scolopax rusticola).
Dal 1 Ottobre al 31 Gennaio 2019: Cesena (Turdus pilaris), Colombaccio (Columba palumbus), Cornacchia grigia (Corvus corone cornix), Gazza (Pica pica), Ghiandaia (Garrulus glandarius), Tordo bottaccio (Turdus philomelos), Tordo sassello (Turdus iliacus).

Cinghiale

Il Cinghiale può essere cacciato dal 1 Novembre 2018 al 31 Gennaio 2019 in forma individuale mentre in forma collettiva sono previste 42 giornate così modulate:
MeseGiorniN° giornate
Ottobre 20, 21, 27, 28 4
Novembre 1, 3, 4, 10, 11, 17, 18, 21, 24, 25, 28 11
Dicembre 1, 2, 5, 8, 9, 12, 15, 16, 19, 22, 23, 26, 29, 30 14
Gennaio 2, 5, 6, 9, 12, 13, 16, 19, 20, 23, 26, 27, 30 13
  Totale giornate 42


Negli allegati maggiori dettagli.
Ramon

La precisione di tiro,non basta per essere un buon cacciatore. Colui che possiede esclusivamente questa capacità, farebbe bene a restarsene a casa.Ma chi ama la fauna e il bosco anche quando non risplende il fuoco, non si ode il fragore dei fucili e va fuori anche durante il periodo di divieto di caccia, quando la terra e gli alberi sono congelati o coperti di neve, quando il cibo scarseggia, il bisogno è massimo e la morte raggiunge l'animale selvatico. Solo colui che scongiura la morte curando,nutrendo e proteggendo gli animali, merita di essere chiamato cacciatore. Hermann Lons

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente