Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo


Lunedì, 15 Luglio 2019 00:21

Regione Lazio, approvato il calendario venatorio 2019/2020

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

google+

linkedin

Poche le notività, qualche piccola restrizione in più....

Calendario Venatorio Lazio 2019 2020La regione ha approvato il calendario venatorio che regolamenterà la prossima stagione di caccia 2019/2020.
Davvero poche le novità con il calendario praticamente in linea con lo scorso anno a meno di due piccole riduzioni che riguardano il prelievo della Tortora (da fine a ottobre si passa a fine settembre) ed il numero di carnieri del Tordo Sassello che scende a massimo 10 per singola giornata.

Il calendario non menziona minimamente la preapertura, ma come avvenuto lo agosto, si attende un'eventuale delibera specifica sul tema.
Ufficialmente la caccia si chiuderà il 10 febbraio 2020 con la possibilità di cacciare le specie nocive Colombaccio, Cornacchia grigia, Gazza e Ghiandaia.

La caccia è consentita tre giorni per ogni settimana, che il titolare della licenza può scegliere fra quelli di lunedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica.
Da un’ora prima del sorgere del sole fino al tramonto secondo gli orari definiti per periodi quindicinali.

Principali periodi di caccia:

  • Tortora: dal 15 settembre al 30 settembre;
  • Quaglia dal 15 settembre al 31 ottobre;
  • Lepre dal 15 settembre al 9 dicembre;
  • Fagiano, Coniglio selvatico e Merlo dal 15 settembre al 30 dicembre;
  • Alzavola, Canapiglia, Codone, Fischione, Germano Reale, Marzaiola, Mestolone, Moriglione, Folaga, Gallinella d’acqua, Porciglione, Pavoncella, Beccaccino e Volpe dal 15 settembre al 30 gennaio;
  • Allodola dal 2 ottobre al 31 dicembre;
  • Beccaccia dal 2 ottobre al 20 gennaio;
  • Cesena, Tordo bottaccio, Tordo sassello dal 2 ottobre al 31 gennaio;
  • Colombaccio, Cornacchia Grigia, Ghiandaia e Gazza dal 2 ottobre al 30 gennaio e dal 2 al 10 febbraio esclusivamente nella modalità d’appostamento;
  • Starna dal 2 ottobre al 30 novembre.

Limiti di carniere

Ogni cacciatore può effettuare, per ogni giornata di caccia, un prelievo massimo di 20 capi fra le specie consentite nel calendario e non più di:
  • 2 capi per la specie Moriglione;
  • 5 capi per le specie Beccaccino, Canapiglia, Codone, Frullino, Marzaiola, Mestolone, Pavoncella, Quaglia e Tortora;
  • 10 capi per le specie Alzavola, Allodola, Colombaccio, Fischione, Folaga, Germano Reale e Tordo Sassello.

Si aggiungono ai precedenti i limiti di carniere stagionale che stabiliscono che ogni cacciatore durante la stagione di caccia può prelevare, al massimo:
  • 5 capi di Lepre Europea e Starna;
  • 10 capi di Moriglione;
  • 15 capi di Fagiano;
  • 20 capi delle specie Beccaccia e Tortora;
  • 25 capi per Beccaccino, Canapiglia, Codone, Frullino, Marzaiola, Mestolone, Pavoncella e Quaglia;
  • 50 capi per la specie Allodola.

Cinghiale

Per quanto il Cinghiale il prelievo sarà consentito dal 2 novembre al 30 gennaio.
Nelle zone vocate assegnate a squadre autorizzate di caccia al cinghiale in braccata e in girata l’attività venatoria sarà consentita nei seguenti giorni:

  • Novembre il 2, 3, 6, 9, 10, 13, 16, 17, 20, 23, 24, 27, 30
  • Dicembre il 1, 4, 7, 8, 11, 14, 15, 18, 21, 22, 26, 28, 29
  • Gennaio il 2, 4, 5, 8, 11, 12, 15, 18, 19, 22, 25, 26, 29

MeseGiorniN° giornate
Novembre 2, 3, 6, 9, 10, 13, 16, 17, 20, 23, 24, 27, 30 13
Dicembre il 1, 4, 7, 8, 11, 14, 15, 18, 21, 22, 26, 28, 29 13
Gennaio 2, 4, 5, 8, 11, 12, 15, 18, 19, 22, 25, 26, 29 13
  Totale giornate 39
Nelle "Zone bianche", la caccia al cinghiale, sarà consentita ai cacciatori non iscritti alle squadre autorizzate nel periodo che va dal 1° novembre al 31 gennaio per tre giorni a settimana, che il cacciatore può scegliere fra quelli di lunedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica.

Conclusioni

Sempre più evidenti le pressioni sullo stato di conservazione della specie Tortora con la riduzione del periodo di prelievo. Considerato che è ancora incerta la preapertura per molti sta diventando un vero e proprio ricordo.
Il Colombaccio è una specie in forte espansione, anche in molti parchi cittadini di Roma non è difficile avvistarli in quantità. Non comprendo il limite di prelievo a 10 capi giornalieri e speriamo che, a differenza della passata stagione, possa essere cacciato anche in un'eventuale preapertura.

Si parla poi tanto di emergenza cinghiali anche a ridosso delle città e rispetto allo scorso anno si riduce il periodo di prelievo ed anche le giornate prestabilite per la caccia in battuta. Un calendario, pertanto, fuori dal coro da cui potevamo forse ottenere di più, ma rimane quasi invariato, se non in peggio, rispetto allo scorso anno.

Attendiamo di apprendere se sarà consentita la preapertura e le sue modalità per tirare un giudizio complessivo su quello che ci potremo attendere dalla prossima stagione..

In allegato il calendario completo
Ramon

La precisione di tiro,non basta per essere un buon cacciatore. Colui che possiede esclusivamente questa capacità, farebbe bene a restarsene a casa.Ma chi ama la fauna e il bosco anche quando non risplende il fuoco, non si ode il fragore dei fucili e va fuori anche durante il periodo di divieto di caccia, quando la terra e gli alberi sono congelati o coperti di neve, quando il cibo scarseggia, il bisogno è massimo e la morte raggiunge l'animale selvatico. Solo colui che scongiura la morte curando,nutrendo e proteggendo gli animali, merita di essere chiamato cacciatore. Hermann Lons

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente