Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Sabato, 02 Maggio 2020 19:04

Riproduzione del furetto

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Nel precedente articolo, furetto antica tradizione siciliana, abbiamo visto come il furetto sia un animale addomesticato dall'uomo e che da solo non può sopravvivere.
Per chi tiene o alleva furetti arriva prima o poi il momento della riproduzione...

Partiamo sul capire come si riconosce il maschio dalla femmina. A livello visivo non hanno alcuna differenza, ma controllando la distanza ano-genitale si riesca a comprendere meglio qual è il maschio e quale è la femmina dove tale distanza è minima. Generalmente i maschi sono anche più grandi rispetto le femmine.
Entrambi raggiungono la maturità sessuale verso i 7 mesi e il periodo riproduttivo va generalmente da Marzo ad Ottobre.

Il calore si manifesta nei 2 sessi in modo diverso:
  • - Nel maschio avviene la discesa dei testicoli con relativo aumento di volume e l'odore muschiato è molto più pungente.
  • - Nella femmina si ha un aumento del volume della vulva che assume una forma a ciambella con un essudato trasparente, anche nelle femmine l'odore si accentua.


Il calore, oltre a manifestarsi diversamente nei 2 sessi, presenta anche una diversa durata:
nei maschi inizia solitamente a dicembre per terminare a fine estate, nella femmina và da marzo a ad ottobre.
Nella femmine il calore non regredisce se non in seguito ad un accoppiamento (l'ovulazione è indotta dal coito), se non si fà accoppiare o sterilizzare questa può morire di anemia aplastica causata dall'eccesso di estrogeni nel sangue (iperestrogenismo).

Il miglior tipo di furetto è quello di taglio medio; in generale quelli piccoli sono meno resistenti alle fatiche mentre i grossi lavorano lentamente, ciò però non esclude che tra quelli di taglio piccolo e di taglio grande non ve ne siano anche degli ottimi.
Per ottenere soggetti robusti, vigorosi, fecondi e buoni cacciatori bisogna scegliere dei riproduttori sani e aventi tali requisiti. Si eviterà pure la troppo lunga consanguineità cioè l'accoppiamento continuato tra padri e figlie, tra figli e madre, tra soggetti provenienti dalla medesima nidiata.
La consanguineità prolungata per qualche tempo ha per effetto che i furetti vanno soggetti a molte malattie, diminuiscono di fecondità.

I segnali che annunciano una gravidanza in corso sono : capezzoli ben evidenti, aumento del sonno, aumento dell'appetito e del peso corporeo.
La gestazione dura in media 38/44 giorni. Al 45° giorno i piccoli muoiono, è opportuno quindi tenere bene i conti e segnarsi la data della presunta nascita.
Mediamente in un anno non si verificano più di 2 parti e le cucciolate hanno una media di nascituri pari a 5/8 a parto anche se il numero comunque varia da 1 a 15.
Alla nascita i furettini pesano circa 5-17gr e vengono al mondo nudi. I furettini apriranno gli occhi e le orecchie verso la 4-5 settimana ma saranno fuori dal nido già dalla 3-4. I furetti vivono circa cinque o sei anni, purché siano ben tenuti.

« Il furetto, antica tradizione siciliana

Addestramento del furetto per la caccia »

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente