Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Martedì, 13 Marzo 2018 06:00

Sui banchi di scuola ad insegnare la caccia ai bambini

Scritto da

google+

linkedin

Il Cacciatore In FavolaC'è tanta violenza in giro contro chi ancora ama praticare l'arte venatoria, ma spesso dietro c'è soltanto disinformazione. Per questo CONARMI (CONsorzio ARMaioli Italiani) ha deciso di organizzare degli incontri fra cacciatori e studenti delle scuole. Si è partiti con i bambini delle elementari di Gardone Val Trompia e Marcheno in Provincia di Brescia.

In aula non si portano ovviamente armi, ma si discute del "lavoro", che non si menziona mai, che il cacciatore compie. Quest'ultimo non è un semplice sparatore, ma effettua prelievi di fauna controllati e ben regolamentati. Spesso i prelievi sono mirati a contenere nocivi e cinghiali la cui espansione è un problema per l'equilibrio naturale, altre volte sono legati alla passione e all'ebrezza di cacciare. Dietro tutto c'è sempre uno studio tecnico - faunistico condotto da esperti nel settore che valutano le modalità e le quantità dei prelievi.

Il cacciatore, oltre che sparare ovviamente, cura la montagna, pulisce i sentieri ed i fossi, mantiene in ordine i boschi e spesso è la prima sentinella in caso di problemi ambientali.

Insomma tanto inutile non è il cacciatore e non crea soltanto danno come spesso lo dipongono.

I bambini così scoprono un mondo a loro sconosciuto ed imparano anche il rispetto per la natura e mostrano molta attenzione al tema.
Per attrarre l'attenzione si portano in aula i cani ed uccelli imbalsamati così i bambini spinti dalla curiosità imparano a conoscere anche gli animali.

In aula anche il libro "Il cacciatore in favola" a cura di tre appassionati della doppietta di Trento, Luca Gottardi, Patrizia Filippi e Daniela Casagrande. Il libro contiene undici piccole storie che riabilitano il cacciatore in veste di custode della natura, diverso dal bracconiere. Una pubblicazione che, manco a dirlo, ha inorridito gli animalisti, promotori di petizioni a raffica.

Imparando così sia la caccia ai piccoli si lascia a loro adesso decidere se amarla o odiarla, ma almeno avranno il beneficio del dubbio.

In cappuccetto rosso alla fine il cacciatore salva tutti dal lupo cattivo...

google+

linkedin



Vota questo articolo
(0 Voti)
antoliva

Amante della caccia migratoria, della caccia vagante col cane (soprattutto alla regina) e della ricarica. Sparo da sempre col Beretta A301 cal.12 e possiedo setter, breton e springer.
Amministro su Facebook due gruppi Blog dei cacciatori(gruppo segreto su invito con oltre 3mila membri) e Tutto caccia(oltre 2mila membri) dove scambiare quattro chiacchiere fra caccia

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente