Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Visualizza articoli per tag: lombardia

La Regione torna sui suoi passi e riduce il prelievo dell'Allodola a 10 capi a giornata

Lombardia Allodola Col decreto n°10796 del 08/09/201, la Regione Lombardia, rivede il calendario venatorio applicando ulteriori limiti al fine di garantire una maggiore tutela del patrimonio faunistico.

La limitazione forse meno apprezzata dai cacciatori riguarda l'Allodola che, come lo scorso anno dopo la sentenza del TAR, passa da 20 a 10 il numero di capi per giornata ed il limite stagionale si abbassa da 80 a 50. Queste le nuove disposizioni per la stagione 2017/2018
Allodola (Alauda arvensis)
  • prelievo venatorio consentito dal 1° ottobre 2017 al 31 dicembre 2017;
  • carniere giornaliero e stagionale per cacciatore non superiore a 10 e 50 capi;
Pubblicato in Notizie
Caccia in LombardiaCon le integrazioni provinciali i cacciatori lombardi hanno finalmente un quadro completo del calendario venatorio che regolamenta la prossima stagione 2017/2018.
Tra le principali novità vi è l'introduzione a Brescia delle 3 giornate fisse per la caccia vagante sino al primo di ottobre. In particolare si potrà praticare la forma vagante nelle sole giornate di mercoledì, sabato e domenica con il prelievo della selvaggina stanziale sino alle ore 12. Si potrà proseguire, nel pomeriggio, al prelievo delle selvaggina migratoria, ma senza l'ausilio del cane.
La Federcaccia bresciana ha commentato la scelta della provincia affermando che si è adeguati alle provincie limitrofe. In più, un recente sondaggio fra i soci dell'ATC, avrebbe confermato come la maggior parte dei cacciatori col diritto di caccia vagante siano favorevoli alle giornate fisse.
Pubblicato in Notizie
"non vi sono le condizioni essenziali, quali l’assenza di soluzioni alternative, per poter attivare la caccia in deroga"
Storni in volo L'assessore all'Agricoltura della regione Lombardia, Gianni Fava critica le risposte negative da parte dell'ISPRA sulla possibilità di effettuare prelievi in deroga alle specie Storno, Fringuello e Peppola.

L'assessore lamenta le scarse motivazioni fornite dall'ente ISPRA, senza alcun riferimento scientifico e/o a dati raccolti sulla possibilità dei prelievi in deroga nonostante, lo scorso 8 novembre, il Ministro all'Ambiente Galletti comunicava la legittimità da parte delle regioni di attivare deroghe.
Pubblicato in Notizie
Fringuelloposato Sara' presentata una comunicazione dell'assessore all'Agricoltura Gianni Fava relativa all'esercizio delle deroghe previste dall'articolo 9 della direttiva 2009/147/Ce, nota anche come 'Direttiva uccelli'. Sarà comunicata, alla Giunta, l'intenzione di Regione Lombardia di attivare la procedura di deroga, di cui all'articolo 9 della direttiva e ai sensi dell'articolo 19 bis della legge 157/92, per autorizzare il prelievo venatorio delle specie storno, fringuello e peppola, nonche' la cattura di esemplari delle specie tordo bottaccio, tordo sassello, cesena e merlo da utilizzare come richiami vivi.
Pubblicato in Notizie
Uniti si vinceA Gardone Valtrompia, nel bresciano, ieri si sono radunati oltre 5 mila cacciatori che uniti hanno sfilato per dimostrare la loro presenza ed i loro diritti. A dimostrare l'"Orgoglio venatorio" cacciatori da tutta Italia, in particolare Bergamo e Brescia assieme alle associazioni FederCaccia, EnalCaccia, Acl, CPA e Anuu Migratoristi e diversi sindaci locali. Nutrito anche il gruppo rappresentatrice delle cacciatrici.

La manifestazione ha avuto l'obiettivo di mandare un chiaro segnale alla politica affinché si intervenga con decisioni a favore del settore.

L'allegra giornata è stata però interrotta verso le 14 quando un gruppo di ambientalisti su un punto in vista hanno aperto uno striscione con la scritta "Basta Caccia" ed acceso diversi fumogeni.
Pubblicato in Notizie
Detenzione scorretta di arma da fuoco La sua passione per le armi lo portava a pubblicare foto, video e a commentare in maniera provocatoria alcuni post sui social. Le immagini ritraevano le sue "amate" armi mal detenute o in comportamenti non sempre consoni a chi detiene armi da fuoco.
Scattata così un'attività di monitoraggio da parte della Questura di Cremona nei confronti di un 27 enne che ha portato alla raccolta di parecchio materiale digitale.
Le indagini hanno spinto la polizia a compiere degli accertamenti. L'uomo deteneva regolarmente due carabine, quattro fucili ed una pistola, ma i suoi comportamenti ripresi in foto e video uniti a dei commenti un po' provocatori hanno portato gli agenti a procedere al ritiro cautelare delle armi in quanto, la situazione complessiva riscontrata, è stata giudicata incompatibile con il possesso di armi da fuoco.

I controlli hanno fatto emergere il possesso di cartucce non dichiarate che hanno aggravato la situazione portando una denuncia per detenzione di armi da fuoco.
Pubblicato in Notizie
Tordo

Il consiglio dei ministri ha deliberato l'esercizio dei poteri sostitutivi nei confronti delle regioni Calabria, Toscana ,  Liguria, Puglia, Lombardia, Umbria, e Marche  disponendo la modifica dei calendari venatori con la chiusura anticipata della caccia al 20 gennaio 2016 a tre specie, Tordo Bottaccio, Beccaccia, Cesena.

Il Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti (PD)  si legge su www.governo.it per evitare che il limite al 31 gennaio fissato dalle regioni interessate facesse coincidere la stagione della caccia di una o più specie indicate con il periodo prenunziale o di riproduzione ha disposto la modifica del loro calendario venatorio.
Secondo il Ministro gli attuali limiti di caccia al 31 gennaio comporterebbero una violazione della normativa europea, andando ad aggravare la posizione dell'Italia rispetto all'eventuale chiusura negativa del caso EU-PILOT 6955/2014, avviato dalla commissione europea.

Le regioni dovranno nei prossimi giorni adeguare i loro regolamenti.


Peccato che in gran parte d'Europa, dove quando si parla di caccia siamo gli unici a farne parte, l'attività venatoria si svolge dal 20 agosto al 28 febbraio, con il Tordo Bottaccio cacciabile in quasi tutte le nazioni attorno a noi fino al 28 febbraio!

Anche specie come Cinghiale e Storno considerati nocivi a causa dei danni all'agricoltura e sanitari/igienici in alcuni paesi, come la Francia in caso di necessità possono essere cacciati tutto l'anno.

Le azioni intraprese dal Ministro dell'Ambiente non fanno altro che aumentare la sfiducia nelle persone che lasciano a malincuore il mondo venatorio italiano preferendo i viaggi all'estero.

Pubblicato in Notizie
A partire dal 2015 tutti i nuovi neo cacciatori al primo anno di licenza non dovranno pagare la consueta imposta regionale di € 64,56. Una piccola conquista che potrebbe incentivare nuovi cacciatori ad avvicinarsi alla mondo della caccia. Ciò è stato reso possibile grazie ad un emendamento presentato dal consigliere bresciano della Lega Nord Fabio Rolfi.
Pubblicato in Notizie

Continua il sostegno delle guardie volontarie del WWF, circa 300 sparsi in 15 regioni, alla lotta al bracconaggio. Solo la scorsa settimana sono state denunciate ben 18 persone che si aggiungono alle tante altre fermate nel mese scorso. Quasi sempre l'irregolarità consiste nell'uso di richiami elettromagnetici, telefono e smartphone compresi, che nonostante siano illegali e si rischi in maniera particolarmente grave con sequestro di tutte le attrezzature e denuncia penale sembra irrinunciabile per molti.

Pubblicato in Notizie

Una tristissima notizia quella pervenuta oggi che racconta anche il coraggio e l'amore per il suo animale di un cacciatore bergamasco di 52 anni. Erano appena le nove quando nel comune di Almenno San Bartolomeo, provincia di Bergamo, si consumava la terribile tragedia.

Pubblicato in Notizie
Pagina 2 di 3