Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo


Venerdì, 05 Maggio 2017 10:13

Legittima difesa, si potrà sparare ai ladri di notte

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

google+

linkedin

Si considera legittima difesa la reazione a un'aggressione commessa in tempo di notte ovvero a seguito dell'introduzione nei luoghi ivi indicati con violenza alle persone o alle cose ovvero con minaccia o con inganno
Legittima difesa Una frase un po' ambigua e dalle molte libere interpretazioni del nuovo disegno di legge, ddl, approvato alla camera ed adesso in fase di vaglia alla senato, sta creando un vero e proprio polverone con frasi ed immagini scherzose che si susseguono sui social.

Eppure parliamo di un argomento molto delicato e complesso più volte alla ribalta a causa di ultimi avvenimenti e clamore mediatico.
Il Governo sta cercando di mettere chiarezza sul delicato limite fra legittima difesa o reato. Purtroppo non è sempre facile distinguere fra legittimità o eccesso, ma fà davvero ridere quando si sente che il ladro di turno, colpevole a prescindere, debba anche essere risarcito.

Tuttavia il nuovo disegno di legge solleva non pochi dubbi e di fatto autorizzerebbe chi subisce una rapina notturna a sparare all'aggressore. Ovvio, poi come spesso accade, ogni giudice è libero di interpretare nel modo a lui corretto la legge, ma questo concetto è decisamente nuovo per l'ordinamento italiano.

Come puoi immaginare il tema sulla legittima difesa è molto complicato e "caldo" e sperando di non dover mai essere nella situazione di scegliere, ogni avvenimento rappresenta un caso a sè.

Per questo motivo le forze politiche esprimono parerei molto discordanti fra loro, ma sentono l'attuale forte pressione nel raggiungere una decisione chiara e unita che risolva il complicato dilemma.

Il testo del ddl non attribuisce colpe a chi reagisce "in situazioni comportanti un pericolo attuale per la vita, per l'integrità fisica, per la libertà personale o sessuale". La proposta di legge, inoltre, prevede che quando verrà riconosciuta la legittima difesa le spese processuali e le parcelle degli avvocati siano tutte a carico dello Stato. Una piccola postilla, probabilmente corretta, che si stima possa pesare sulle tasche dei contribuenti per almeno 300 mila € annui.

Un disegno di legge che cerca di mettere pezze ai veri problemi che stanno affliggendo il nostro paese in cui lo stato non riesce a tutelare correttamente i propri cittadini sempre più costretti ad armarsi e a soluzioni fai da te.

Speriamo che il governo riesca anche a stanziare il denaro necessario a mantenere ed incrementare l'azione delle forze dell'ordine sul territorio ed, al tempo stesso, riesca ad inasprire le pene per chi commette reati.

Sempre più diffusi i casi in cui il colpevole è recidivo o sotto processo per imputazioni simili.

antoliva

Amante della caccia migratoria, della caccia vagante col cane (soprattutto alla regina) e della ricarica. Sparo da sempre col Beretta A301 cal.12 e possiedo setter, breton e springer.
Amministro su Facebook due gruppi Blog dei cacciatori(gruppo segreto su invito con oltre 3mila membri) e Tutto caccia(oltre 2mila membri) dove scambiare quattro chiacchiere fra caccia

Commenti   

# BlackHunter 2017-05-07 12:26
Ho sentito dire che si potrà sparare anche di giorno se ancora in pigiama :lol:

Le solite pagliacciate italiane

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente