Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo


Sabato, 02 Luglio 2016 08:38

Toscana, si al prelievo dello Storno

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

google+

linkedin

1,2 milioni di € i danni accertati alle coltivazioni toscane nel periodo 2004 -2015. Dopo cinghiali e capriolo è la terza specie che a mettere in difficoltà gli agricoltori toscani. Lo Storno, però, colpisce principalmente le produzioni più importanti della regione quali vigneti ed oliveti.
Per questo la Regione Toscana, con il parere positivo dell'ISPRA ha deliberato il prelievo in deroga su tutto il territorio di 23 mila Storni.
Testo della delibera N.26 del 29/06/2016.

Modalità del prelievo
È consentito il prelievo in deroga alla specie Storno esclusivamente nella forma di caccia da appostamento ed esclusivamente nelle prossimità di vigneti ed uliveti, in presenza di frutto pendente, ad una distanza non superiore a 100 metri dalle stesse colture.

Il prelievo potrà essere effettuato nei giorni di preapertura autorizzati e dal 18 settembre sino al 15 dicembre 2016.
Oni cacciatore (il prelievo è consentito ai solo cacciatori residenti in Toscana) potrà prelevare sino ad un massimo di 20 capi giornalieri per un totale complessivo di 100 capi per l'intera stagione.

Al fine di monitorare i limiti del prelievo i cacciatori dovranno comunicare alla Direzione Agricoltura e Sviluppo Rurale della Regione Toscana il numero degli storni abbattuti sino al 10 novembre entro i 10 giorni successivi a tale scadenza.
Tale monitoraggio, in base ai dati raccolti, potrà disporre la sospensione anticipata della deroga se raggiunta la quota prestabilita.

Per tutti i cacciatori toscani che vorranno partecipare ai prelievi consigliamo di leggere il testo della delibera N.26 del 29/06/2016.

Notizie dalla Toscana

demk

Cresciuto con una passione enorme per la caccia e la natura ha cominciato ad avvicinarsi alla ricarica ed al mondo venatorio grazie al padre. Sempre in cerca di nuovi accorgimenti e prodotti ha pensato bene di creare una community incentrata attorno alla caccia dove apprendere nuove tecniche e scambiarsi opinioni. I suoi carnieri sono spesso vuoti, ma ogni uscita gli regala un'emozione e spesso si perde fra le nuvole ammirando paesaggi straordinari o valutando le condizioni meteo.

Per commentare effettua il login, se non possiedi ancora un account registrati gratuitamente

Login

Ultimi commenti