Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Visualizza articoli per tag: Notizie

Boschi Censire tutti gli alberi del mondo non è certo semplice, ma secondo uno studio dell'Università di Yale e pubblicato su "Nature" sul nostro bel pianeta ci sarebbero ben tre mila miliardi di alberi, la maggior parte dei quali concentrati per lo più nelle zone tropicali e subtropicali.
Il censimento è frutto di oltre 430 mila rilievi che sono riusciti a darci un'idea del numero di alberi presenti nel mondo. Un numero che ha dell'incredibile e che stima per ogni persona ci siano almeno 420 alberi.
Gli alberi sono importantissimi elementi dell'ecosistema. Sono in grado di convertire la CO2 in ossigeno, grazie alla fotosintesi clorofilliana, e sono sostentamento per moltissime specie animali.
Nonostante la loro importanza l'uomo sta man mano distruggendo le foreste ed i boschi.
Pubblicato in Natura
Etichettato sotto
Uccelli d'acqua In questi anni ci siamo focalizzati molto sul problema del piombo disperso soprattutto negli ambienti acquitrinosi. Per questo e per la salvaguardia degli animali si utilizzano cartucce no-toxic in grado di non avvelenare in nessuno modo gli uccelli acquatici.
Peccato che ci siamo distratti dal vero problema che sono rifiuti che finiscono in acqua, principalmente in mare, dove ogni anno si raccolgono enormi quantità di rifiuti che rimangono nelle acque spostati dalle correnti per km e km. Il rifiuto più dannoso è la plastica, ogni anno ne produciamo sempre più e buona parte finisce a galleggiare in mare. Proprio quest'ultima sostanza, secondo una ricerca internazionale, risulta pericolosa per gli uccelli e si stima che il 90% degli uccelli acquatici abbiano ingerito, almeno una volta nella vita, della plastica. Il 60% degli uccelli marini ha nel proprio stomaco plastica che non verrà mai assorbita e/o espulsa e che pian piano farà sorgere non pochi problemi all'animale. A pagarne maggiormente le spese sono Gabbiani, Albatros e altre specie spazzine che inconsciamente ingurgitano rifiuti e plastica.
Pubblicato in Natura
Etichettato sotto
Siamo ormai abituati a muoverci con mappe e/o ricevitori gps, ma quasi tutti senza alcun ausilio ed in mezzo a nulla vagheremo senza una direzione.
Nulla di questo accade in natura dove gli uccelli per istinto, seguendo le stelle e le onde del campo magnetico compiono incredibili migrazioni ogni anno. A mostrarci quanto è precisa la bussola interna degli animali una femmina di Falco Pecchiaiolo che, dotata di un sistema di localizzazione satellitare è stata seguita con tanta passione dai ricercatori durante la sua estenuante migrazione che l'ha condotta dal Sudafrica sino alla Finlandia percorrendo oltre 10 mila chilometri in appena 42 giorni.
230Km percorsi oggi giorno senza sosta spinti da quell'istinto che ogni anno in primavera fa spostare i falchi pecchiaioli dall'Africa verso l'Europa per poi compiere il percorso inverso alla fine dell'estate col sopraggiungere dell'autunno.
Pubblicato in Natura
Etichettato sotto
Inquinamento dell'UomoI ricercatori canadesi dell'Università Vicatoria hanno scoperto il "superpredatore" per eccellenza. Esso è in grado di cacciare una moltitudine diverse di specie animali ed è in grado anche di causare estinzioni di massa e stravolgere interi ecosistemi mettendo a dura prova gli equilibri del pianeta. Lo vediamo tutti quotidianamente, basta infatti guardarci allo specchio. L'uomo è il predatore per eccellenza che vive sul nostro pianeta.

L'articolo "L'ecologia unica dei predatori umani" pubblicato sulla rivista Science mette in risalto le nostre doti di uccidere intere specie ed ecosistemi per le nostre priorità a breve termine.
Nessuna delle altre 2.125 specie di predatori esaminate, fra terrestri e marine, uccide quanto noi.
Pubblicato in Natura
Etichettato sotto
New York di notteOgni primavera e autunno migliaia e migliaia di uccelli compiono straordinarie migrazioni in America regalando uno spettacolo della natura incredibile per gli appassionati e studiosi. Il tutto di svolge sulla testa degli americani che il più delle volte non si accorgono di nulla. Tuttavia nonostante le difficoltà del lungo volo gli uccelli devano fare i conti anche col famigerato "fatal light attraction", attrazione fatale per la luce, causato dall'illuminazione delle grandi città. Queste luci disorientano gli animali attraendoli portandoli fuori rotta e facendoli sbattere sulle pareti degli edifici. Lo schianto contro i palazzi, solo in America, provocherebbe ogni anno la morte di quasi un miliardo di uccelli, stima del dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti, che rappresenta un vero e proprio sterminio silenzioso causato dall'uomo.

Pubblicato in Natura
Etichettato sotto
La centrale solare più grande Inaugurata nel Febbraio del 2014, la centrale solare nel deserto di Mojave in California è la più grande al mondo e produce energia elettrica pulita ad impatto zero sull'ambiente per oltre 140mila case. Fra le tre aziende proprietarie dell'impianto c'è anche Google sempre vicina agli aspetti legati al rispetto dell'ambiente.
Tuttavia l'imponente opera che produce energia senza inquinare è diventata una vera e propria trappola mortale per tutti gli uccelli della zona. Più di 300 mila specchi, ciascuno grande quanto una porta da garage, riflettono i raggi solari su tre enormi torri-caldaie. La luce riflessa sulle torri e tale da riscaldare l'acqua all'interno delle torri che viene utilizzata per produrre vapore e far girare le turbine che generano la corrente elettrica. Sulle superfici delle torri si raggiungono circa i 426°, una temperatura elevatissima.

Pubblicato in Natura
Etichettato sotto

Durante il periodo di aprile e maggio ci siamo accorti di una moria, non indifferente, dei passerotti appena nati. Qualcosa di preoccupante che vedeva nella zona almeno 1/3 dei piccoli morire in poche settimane mettendo in rilievo la diminuzione costante che la specie sta vivendo negli ultimi anni.

Un'assurdità visto che tutti siamo abituati spesso ad intravedere un passero, lo stesso Del Piero in una nota pubblicità ci scambia due chiacchiere, ma senza accorgercene uno degli uccelli più tradizionali e presenti nelle nostre città sta scomparendo.

Pubblicato in Natura
Etichettato sotto
Pagina 4 di 4