Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Mercoledì, 25 Aprile 2018 23:51

Brescia fermato 55enne cacciava cinghiali di frodo

Scritto da

L'uomo ben attrezzato cacciava nelle ore notturne

Brescia Fucile Modificato Bracconiere Proprio nel ben mezzo della stagione riproduttiva e dei primi piccoli un 55enne residente nella bassa Valsabbia ha provato a cacciare di frodo i cinghiali.
Fermato in tempo dagli agenti del Nucleo ittico-venatorio della Provinciale in perlustrazione proprio per contrastare le attività di frodo era in attività di caccia fuori periodo nelle ore notturne.
L'uomo era ben attrezzato con fucile carabina a canna rigata con ottica e silenziatore artigianale gli permetteva di far fuoco in maniera tranquilla e senza alterare le altre prede o eventuali persone in zona.

L'uomo dovrò, adesso, rispondere per i reati di tipo venatorio e di possesso di arma illegale.
Mercoledì, 25 Aprile 2018 09:47

Frittata di Asparagi Selvatici

Scritto da
Frittata Asparagi Selvatici Primavera è tempo di sole e belle passeggiate, ma anche di asparagi! Non difficili da trovare (Un pomeriggio ad asparagi), gli asparagi hanno importanti proprietà disintossicanti e diuretici nonché ricchi di vitamine, sali minerali e sostanze energetiche caratteristiche importanti per aiutarci a prepararci per la bella stagione.

Gli asparagi possono essere serviti come antipasto, sbollentati o in molte varianti. Un classico è la frittata, piatto rustico, ideale da essere consumata calda, ma ottima anche fredda e consigliata per le scampagnate all'aperto.
Se possibile, per la frittata scegliamo gli asparagi selvatici, generalmente più piccoli, sottili, ma teneri e saporiti.
Con un piatto semplice e veloce conquisteremo il palato dei nostri ospiti ed anche dei più piccini spesso restii a consumare verdure.
Lunedì, 23 Aprile 2018 22:00

Colombaccio Arrosto alla Folignese

Scritto da
Colombaccio Folignese Arrosto Tempo fa ho visto una puntata di Unti e Bisunti dove lo Chef Rubio ci ha portato in Umbria, a Foligno, per mostrarci una pietanza tipica della zona, il Piccione arrosto farcito con frattaglie e salsiccia di maiale. Il piccione viene cotto in padella e letteralmente annegato con del vino bianco insaporendosi ed ammorbidendosi diventando buonissimo.

Dalle mie parti è ormai rarissimo trovare chi alleva i colombi per carne e così ho pensato di riproporre la ricetta per il "cugino" Colombaccio.

All'inizio ero un po' scettico, a differenza del piccione non è facile trovare Colombacci molto grassi o teneri. Tuttavia, stando attendo a selezione i più giovani, devo dire che alla fine non posso pentirmi e sono stato molto soddisfatto del risultato finale sorprendendo anche gli amici.

Cucinare il Colombaccio non è mai semplice, ma vediamo assieme come preparare il Colombaccio Arrosto in stile folignese.

L'annotazione deve avvenire dopo l'identificazione esatta del capo abbatuto

Tesserino venatorio Regione ToscanaLa normativa che prevede di segnare i capi abbattutti sul tesserino subito dopo l'abbattimento ha creato non poche polemiche e controlli troppo rigidi. In particolare il centro delle discussioni è comprendere cosa significhi segnare il tesserino subito dopo l'abbattimento.
La Regione Toscana ha deciso di mettere chiarezza sulla questione approvando la mozione del PD (a firmare Leonardo Marras, Gianni Anselmi, Marco Niccolai, Enrico Sostegni, Andrea Pieroni, Stefano Scaramelli, Nicola Ciolini), con la quale si sancisce che, l'annotazione obbligatoria sul tesserino venatorio, debba avvenire soltanto successivamente all'accertamento del capo abbattuto.

Il cacciatore potrà, quindi, provvedere al recupero e all'identificazione esatta, del capo abbattuto e successivamente annotarlo.

In più di 100mila in strada contro gli insulti gratuiti sul Web

Manifestazione Spagna Contro odio sui social networkMigliaia di cacciatori da tutta la Spagna sono scesi nelle strade questa domenica per chiedere la caccia come uno stile di vita, esigere il rispetto per tutti coloro che praticano questa attività, esigere che insulti e aggressioni cessino e siano attivate immediatamente misure per punire i crimini di odio nei social network.
Convocati dalla Royal Spanish Hunting Federation (RFEC) e da tutte le federazioni regionali, in più di centomila hanno risposto all'appello e simultaneamente a mezzogiorno si sono riversati nelle piazze e nelle strade di ben 40 città, Madrid, Barcellona, Siviglia, Santiago de Compostela, Merida e tante altre si sono animati nel segno di "Si alla caccia, il nostro modo di vivere".
Le manifestazioni voglio porre fine all'impunità degli "insulti", "aggressioni" e "attacchi" provenienti da organizzazioni ambientaliste e animalisti che sfruttano la rete per infangare ed offendere i cacciatori.