Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

La via degli "osei" dalla Calabria alle tavole del nord

operazione osei due I Carabinieri Forestali hanno scoperto e bloccato una vera e propria organizzazione dedita al turismo venatorio in Calabria senza i dovuti permessi. Sono quattro le persone denunciate, tre di Corigliano ed una di Rossano assieme al sequesto di 3125 capi di avifauna, 28 fucili e circa 600 cartucce.

I quattro gestivano un'attività ben organizzata nei minimi dettagli che portavano nelle zone ioniche cacciatori provenienti da tutto il nord Italia, in particolare da Vicenza, Padova, Brescia e Bergamo senza i dovuti permessi.
Una volta giunti sul posto ai "turisti" veniva dato vitto alloggio, fucili e munizioni e tutte le indicazioni per poter prendere il maggior numero di prede.
Domenica, 10 Dicembre 2017 06:00

Atri, il sindaco stoppa la caccia al cinghiale

Scritto da

Il primo cittadino firma ordinanza che vieta la caccia al cinghiale nel territorio comunale

Atri Stop Caccia Cinghiale Troppe segnalazioni giunte all'amministrazione comunale da parte dei cittadini su cani e cacciatori troppo vicini alle case.
Per liquidare il problema il sindaco ha così deciso di bloccare tutte le attività di caccia al cinghiale "ai fini della tutela della pubblica incolumità”.

I cacciatori al quanto infuriati credono sia un'ordinanza senza alcun senso e che non comporterà altro che aumentare il problema dei cinghiali già abituati a vivere a ridosso delle case.

L'ordinanza non terrà neanche a bada i vari bracconieri che, infischiandosene delle leggi, non mancano in zona.
Pagina 1 di 129