Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

"Salviamo il porto d'armi", la chat condivisa fra decine di cacciatori della Valcamonica, e non solo, non proprio ligi alle regole...

Salviamo Il Porto d'armiSfruttando la rapidità della messaggistica istantanea alcune persone hanno ben pensato di creare una sorta di "rete di protezione" dove potersi avvisare a vicenda dell'arrivo della polizia provinciale, carabinieri forestali o guardie volontarie LIPU o WWF.
Il gruppo di chat era intitolato "Salviamo il porto d'armi" e come immagine riportava un pettirosso. Era condiviso soprattutto fra "capannisti" che, grazie ai tempestivi avvisi, potevano rimuovere tutti gli illeciti prima dell'arrivo dei controlli.

Sulla chat venivano condivise anche le foto di auto civetta e si scambiavano consigli su metodi illeciti.
Era talmente cresciuto negli ultimi tempi che, per fortuna, è arrivata la notizia anche alle autorità.

C'è voluta un'attenta operazione del nucleo operativo antibracconaggio per arrivare agli ideatori del gruppo whatsApp, due capannisti, padre e figlio, di Gianico.

Terribile incidente di caccia durante una battuta di caccia

Incidente Tragico Caccia ApricaleIl triste caso di Apricale, vicino Imperia, sta diventando caso nazionale.
Sono tante le voci e le notizie che si susseguono da escursionista a bracconiere, ma ancora nessuno sa cosa realmente sia avvenuto.
Saranno le autorià a chiarire tutti i dettagli del caso e a far luce sulla storia del ragazzo vittima di questo tragico incidente.

Resta un tragico incidente colpa dell'imprudenza.
Non possiamo far altro che stringerci attorno al dolore dei familiari.

Notizie del genere possono solo farci riflettere e prendere coscenza dell'episodio e di quello che può accaderci ogni volta che stiamo svolgendo la nostra passione senza mai dimenticare che in mano abbiamo un'arma, non un giocattolo.
Pagina 1 di 161