Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Ultime notizie

Un abbattimento da record nell'RC2

Cinghiale 180kg RC2 Una giornata di festa è stata allietata da un abbattimento di un esemplare eccezionale. Un bellissimo animale che sulla bilancia ha fermato l'ago a ben 180Kg! Un peso straordinario ed inconsueto per la zona dove i cinghiali in media raggiungono il peso di 70-90Kg.

Un abbattimento da record, quindi, per la squadra cinghialai di San Nicola dell'ATC RC2.
La giornata è stata allietata da altri abbattimenti che hanno reso la fatica ed il duro lavoro compiuto una festa ricca di soddisfazione.

La squadra Cinghialai di San Nicola è stata fondata nel 2003 e si basa sul rispetto e l'amicizia reciproca.
Perchè noi ci mettiamo il cuore
Per maggiori informazioni la squadra è su Facebook: Squadra Cinghialai di San Nicola

Pubblicato in Racconti e Foto

A Stilo Cinghiale abbattuto era afflitto da turbercolosi...

Cinghiale Turbercolosi Con l'inizio della stagione di caccia al cinghiale, il Servizio Veterinario dell'Azienda Sanitaria Provinciale (ASP) di Reggio Calabria ha intensificato le attività di controllo e prevenzione lanciando un appello a tutti i cacciatori.

Lo scorso anno il Servizio Veterinario Area B Igiene degli Alimenti di origine animale dell’ASP di Reggio Calabria ha sottoposto a controlli circa mille sfoglie di cinghiali abbattuti dai cacciatori. Solamente una parte di tutti gli animali abbattuti vengono sottoposti a controlli.

L'ispezione, sostiene l'ASP, è necessaria prima di commercializzare e/o consumare le carni al fine di certificarne la sicurezza.
Pubblicato in Notizie

La coldiretti lancia un appello alla Regione Calabria.

Coldiretti Emergenza CinghialiTroppi cinghiali e contenerli rientra nelle competenze della Regione. I danni alle coltivazioni sono in aumento, è a rischio anche la sicurezza dei cittadini ed i problemi sanitari sono ormai una costante.

La Coldiretti indica alla Regione come procedere avvalendosi della Legge Regionale del 17 maggio 1996 n° 9 “Norme per la tutela e la gestione della fauna selvatica e l’organizzazione del territorio”.
La normativa stabilisce che la Regione Calabria, con metodi di razionale programmazione, disciplina la tutela della fauna selvatica e l’attività venatoria; pianifica l’attività faunistico -venatoria del territorio agro-silvo -pastorale regionale; predispone il Piano Faunistico Venatorio.
Pubblicato in Notizie

Calendario Venatorio 2017/2018 rimane invariato...

Calabria Sentenza TAR CATANZAROOggi venerdì 15 settembre molti di noi aspettavano ansiosi l'ordinanza del TAR sul ricorso 929 del 2017 presentato dalle associazioni WWF di Vibo Valentia, Crotone, Cosenza - Sila Pollino e Calabria Citra per sospendere il calendario venatorio calabrese.

Le motivazioni del ricorso, presentato dalle associazioni ambientaliste, non sono state valide e, con l'ordinanza cautelare n.350/2017, il Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) di Catanzaro ha respinto la domanda di sospensione ritenendo efficace il piano faunistico corrente.

A difesa del calendario anche i rappresentanti di Federazione Italiana della Caccia, Associazione Nazione Libera Caccia e Anuu migratoristi italiani.
Pubblicato in Notizie

Preapertura confermata, ma ridotta a mezza giornata

Calabria preapertura ridotta 13

Con un comunicato di Federcaccia Cosenza, tramite la loro pagina facebook, apprendiamo che in Calabria è confermata la preapertura, ma ridotta rispetto a quanto pubblicato sul calendario. Con una decisione molto discutibile, che dovrebbe essere ufficializzata presto, per rispondere alle continue lamentele ambientaliste sul fronte siccità ed incendi si è scelto di limitare la preapertura alle ore 13.

Un provvedimento insensato che penalizza chi poteva cacciare solo di pomeriggio.
Pubblicato in Notizie

Regione Calabria logoNon si è forse fatto in tempo a leggere tutto il nuovo Calendario Venatorio per la Regione Calabria che già si parla di modifiche.
Era stato sin qui ben accolto dai cacciatori dato che nettamente migliore delle ultime annate. Non sono neanche mancate le lamentele delle varie associazioni venatorie che criticano la Regione per aver richiesto, il medesimo giorno dell'approvazione del calendario, lo stato di emergenza per via degli incendi.

Sul sito agroservizi della regione, www.agroservizi.regione.calabria.it è ben visibile l'avviso che sono in fase di approvazione delle modifiche causa errori materiali.

Le modifiche riguarderebbero:
1) La giornata di pre-apertura giorno 10 settembre sarà consentito il prelievo alle sole: Tortora, Colombaccio, Cornacchia Grigia, Ghiandaia e Gazza esclusivamente da appostamento. Niente quindi Quaglia e la possibilità di utilizzare il cane;
Pubblicato in Notizie

Leggero miglioramento rispetto agli ultimi anni...

Ci eravamo ormai abituati ad aspettare dopo la metà di agosto, ma a sorpresa la Regione Calabria ha già approvato il calendario Venatorio che regolamenta la stagione venatoria 2017 e 2018.
A differenza degli ultimi anni, dove purtroppo ci eravamo abituati un po' al copia ed incolla con l'adeguamento delle date, quest'anno ci sono piccole, ma liete novità.

Tre le giornate di preapertura nei giorni 2, 3 e 10 Settembre in cui sarà possibile cacciare, esclusivamente da appostamento, Tortora, Colombaccio, Cornacchia Grigia, Ghiandaia e Gazza. Il 10 sarà possibile cacciare anche la Quaglia con l'utilizzo del cane da ferma o da riporto.

Un'altra importante e positiva novità è la chiusura al 10 febbraio alle specie nocive Ghiandaia, Cornacchia Grigia e Gazza.
Pubblicato in Notizie

Ogni anno a maggio sullo stretto si ammira la fantastica migrazione del Falco Pecchiaiolo

Bracconieri Adorni Fra le migrazioni più straordinarie a cui possiamo assistere quella del falco pecchiaiolo è fra le più straordinarie. Non solo perchè avviene proprio sopra l'Italia, ma anche per le incredibili distanze che questi maestosi dominatori dell'aria compiono.

Tuttavia, puntuale ogni anno, scatta sullo stretto fra Reggio e Messina la stupidità dell'uomo che lo porta a dominare tutto quello che lo sovrasta e cerca illegalmente di conquistare quell'ambito trofeo che è l'"Adorno" (il nome dialettale del Falco Pecchiaiolo).

Il Nucleo Operativo Antibracconaggio Carabinieri di Reggio Calabria, assieme alla collaborazione degli operatori dell'associazione ambientalista C.A.B.S sono riusciti a fermare tre bracconieri intenti, proprio in questi giorni, a cacciare gli Adorni.
Pubblicato in Notizie

Calabria Ammontano a ben 17 milioni di euro le quote pagate dai cacciatori calabresi tra il 2010 ed il 2016. Seppure per legge questi soldi sono vincolati alle politiche venatorie sono, invece fermi, nelle casse della regione Calabria.

Il denaro, come prescritto da norma, dovrebbe essere impiegato per la prevenzione ed il risarcimento dei danni agli agricoltori, per la vigilanza del territorio, per l'acquisto di fauna selvatica e per coprire le spese dei comuni per il rilascio del tesserino venatorio.

I soldi sborsati dai cacciatori sono, invece, fermi e bloccati in attesa di essere ripartiti ed investiti.
A lanciare l'accusa è il presidente provinciale di Federcaccia Cosenza, Antonio Greco, durante un incontro che vedeva partecipi anche i rappresentati di Libera Caccia, Coldiretti ed il consigliere regionale Mauro D'Acri.

Una situazione insostenibile per il settore che non permette investimenti e/o risposte serie al settore sempre più in crisi.

Qualora dovesse perdurare lo stato di incertezza e mancata attribuzione delle risorse ai vari ATC sia Antonio Greco che Paquale Paradiso, presidente provinciale di Libera Caccia potrebbero lasciare le loro cariche.
Pubblicato in Notizie

Il Parco nazionale dell'Aspromonte è fra i territori più ricchi di avifauna del paese con numerose specie di uccelli fra cui lo Sparviero, l'Astore, l'Allocco, il Barbaggiani, il Falco Pecchiaiolo, il Falco Pellegrino, la Poiana, il Biancone, l'Aquila del Bonelli (quasi estinta nel resto d'Italia e presente nel parco con due coppie) e molti altri uccelli.

Aquila reale

Recentemente l'ente parco ha presentato, presso l'aula seminari del Dipartimento di Agraria dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria, i primi risultati sullo studio e monitoraggio dei super predatori presenti sul territorio. Lo studio è frutto di anni di iniziative atte a tutelare e conservare l'enorme patrimonio di biodiversità presenti nell'Aspromonte.

Fra i risultati si sono segnalati la presenza del Gufo Reale, il più grande rapace notturno europeo, ed il recentissimo ritorno dell'Aquila Reale. L'Aquila reale è un uccello straordinario e difficilmente avvistabile nonostante sia fra gli uccelli più grandi presenti in Europa con un'apertura alare che può arrivare ai due metri e mezzo.

Pubblicato in Natura
Pagina 1 di 4