Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

lombardia autorizza il prelievo del piccione da citta per la stagione 2020 2021La Lombardia è tornata attiva sul piano venatorio e dopo le modifiche approvate recentemente, Lombardia modifiche sulla legge regionale sulla caccia, approva il prelievo alle specie storno e colombo selvatico.

L'assessore regionale Fabio Rolfi spiega che, negli utlimi anni, queste sole due specie hanno causato danni alle coltivazioni per almeno 1,7 milioni di euro.
I metodi dissuasivi sin qui dispiegati hanno portato risultati scarsamente efficaci.
Giovedì, 25 Giugno 2020 21:11

Chieti, cinghiale abbattuto viene donato ai poveri

Scritto da

Arcicaccia regala le carni del cinghiale, proveniente dai piani di selezione, ai poveri

selezione cinghiale chieti donato ai poveri In questi tempi di emergenza e situazione economica critica il buon cuore dei cacciatori batte forte.
Dopo aver cercato di far la nostra parte nel periodo del lockdown, Covid-19, cacciatori in prima linea, arriva un'altra bella notizia da Chieti.
Riparte la stagione di selezione al cinghiale e l'associazione Arcicaccia di Chieti ha pensato bene di donare le carni ai più poveri.

La scelta è ricaduta sul centro di accoglienza "Capanna di Betlemme" ed il cinghiale, abbattuto lunedì scorso, dopo i risultati di rito della Asl, è giunto nella struttura. Gli ospiti della casa di accoglienza, abituati a ben altro menu, potranno godere di un pasto diverso e gourmet.

Priorità, dare certezze ai cacciatori..

Per l'Assessore all'agricoltura, caccia e pesca della Regione Veneto, Giuseppe Pan, quest'anno non è adatto per tentativi ed esperimenti e causa pandemia bisogna lavorare per approvare al più presto il Calendario Venatorio che ricalchi il più possibile quello dello scorso anno che ha già ottenuto i pareri positivi dell'ISPRA e dei vari ricorsi presentati. Punti di attenzione, quest'anno, sono stati i problemi su selvatici come Pavoncella e Moriglione su cui associazioni ambientaliste ed il ministro Costa hanno puntato il dito come specie da salvaguardare e rimuovere fra le specie cacciabili.

La licenza ancora valida non va consegnata all'amministrazione

Con la circolare allegata alla fine di questo articolo, il Ministero dell'Interno chiarisce, nero su bianco, che all'atto di rinnovo del porto d'armi, gli uffici predisposti, Carabinieri o Polizia, non possono richiede di consegnare la licenza ancora valida.
Questo perchè la licenza è ancora in corso di validità e rappresenta un abuso, eventualmente sanzionabile, l'obbligo di riconsegnare, in questi casi, il documento valido.

Si mette così fine ad una prassi un po' diffusa di Questure, Commissariati e stazioni dei Carabinieri che sino ad oggi hanno spesso obbligato il titolare di porto d'armi, ancora in corso di validità, a consegnare il documento in attesa della pratica di rinnovo.
Andare a caccia con Gerardo novitaLo scorso 26 giugno il Consiglio regionale della Lombardia ha accolto, dopo tante sollecitazioni da parte dei Consiglieri a favore della caccia, le proposte presentate lo scorso 19 maggio.
Gli emendamenti approvati vanno a modificare la legge regionale n° 26 del 1993. Quest'ultima regolamenta e disciplina l'attività venatoria in regione e la protezione della fauna selvatica.

Importanti le novità introdotte come l'utilizzo dei capi ad alta visibilità per la caccia alla stanziale, cinghiale compreso, e per le guardie venatorie volontarie. Quest'ultima modifica ha suscitato non poche polemiche, ma l'intento della norma è chiaro ed intende andare ad aumentare il livello di protezione delle guardie. L'altro lato della medaglia molto criticato è il rischio di ridurre l'efficacia stessa del controllo rendendo facilmente riconoscibile la guardia anche da lontano.