Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Visualizza articoli per tag: italia

Io sono vegana, sono sana, non me so mai drogata in vita mia...

Daniela Martani e la cacciatrice ospiti alla La Zanzara Ospite della trasmissione radiofonica "La Zanzara" Daniela Martani parla prima del vaccino covid e successivamente della notizia della condanna di Paolo Mocavero, leader del movimento 100% animalisti, per le offese rivolte al campione Roberto Baggio per la sua passione da cacciatore.

Martani rappresenta buona parte degli ambientalisti estremisti di oggi giorno.
Questi personaggi sfruttano i social per sponsorizzare le proprie idee e diffondere il proprio personale punto di vista senza però dettagliare e contestuale i propri concetti.
Pubblicato in Notizie

Nessun insulto e nessuna discriminazione deve essere ammessa...

Violenza sui social berlatoPassata da poco la giornata nazionale sulla violenza contro le donne ed il tema è stato riportato su tutti i media e persino sui programmi più blasonati della Rai con non pochi scandoli.
Tuttavia, nell'anominato generale, esiste una categoria di donna che non sembra essere degna di protezione e tutele.
Stiamo parlando delle ragazze che, sfidando i pregiudizi ed andando contro tendenza, praticano con tanta passione l'arte venatoria.

Una passione praticata con cosi tanta gioia e dedizione da volerla condivivere con sentimento e partecipazione anche sul mondo dei social.
Peccato che gli hater non sono tardati ad arrivare e chiunque non condivide la passione delle ragazze ha cominciato la lasciare commenti poco gradevoli.
Pubblicato in Notizie

Intento della legge, proteggere gli animali o chiudere la caccia?

Tempo di covid, ma non per tutti e a quanto pare le priorità di alcuni deputati M5S sono ostacolare il più possibile la caccia.
Ecco che arriva il disegno di legge denominato "Proteggi animali" portato avanti da Vittorio Ferraresi del M5s.

Sfruttando le ottime intenzioni di andare a punire ed ostacolare abbandono di animali, traffico di cucciolo e chi maltratta gli animali (nonché contrasto alla diffusione delle esche con veleno) si nasconde un imposizione molto più alta che praticamente aggiunge pesanti limitazioni per la caccia e soprattutto per coloro che svolgono l'attività venatoria nel pieno rispetto delle leggi e dell'etica.
Pubblicato in Notizie

Esempio di vita dentro e fuori il campo

Non è passato molto che Roberto Baggio aveva infiammato i fans per il suo "umile" scatto che lo riprendeva assieme alla sua panda 4x4 che utilizza per la campagna (Anche il divin codino usa panda).

Da sempre innamorato per la caccia Baggio non ha mai nascosto la sua passione neanche sui social.
La sua fama però l'ho fatto finire sul sito 100% animalisti dove, qualche anno fa, fu insultato dal leader del gruppo Paolo Mocavero.

L'ex pallone d'oro non ha lasciato correre ed ha portato in tribunale l'ambientalista estremista.
Il 23 novembre è arrivata, finalmente, il giudizio in primo grado del tribunale di Padova che ha deciso di condannare per diffamazione a mezzo stampa di Paolo Mocavero a ben 8 mesi di reclusione e 5 mila di risarcimento nei confronti di Roberto Baggio.
Pubblicato in Notizie

Ammassati per le vie del passeggio e nei parchetti delle città, ma no da soli a caccia in montagna

caccia attività isolata montagnaIl DCPM del 3 novembre ha portato tanta confusione e l'introduzione di norme che prevedono diverse severità a seconda della regione di appartenenza.
Il tutto per il bene pubblico e cercare di contenere, il più possibile, un virus che sta mettendo a dura prova la sanità e l'economia europea e mondiale.
A differenza di marzo ed aprile si è optati per una specie di lockdown più soft, ma questa volta ricade nel pieno delle attività venatorie.

Soprattutto i primi giorni sono state molte le incertezze ed i dubbi che hanno lasciato il via alle più disparate interpretazioni.
Quello che però ha più lasciato perplesso è stato il silenzio sia dalle varie associazioni venatorie che dalle varie istituzioni.

Dopo tanta attesa arriva finalmente la risposta secca e coincisa del governo in merito alla caccia durante questo periodo.
Pubblicato in Notizie

Covid e caccia, tanta confusione e difficoltà ad interpretare continui regolamenti e norme locali

dpcm 3novembre Purtroppo i continui aumenti dei casi dei corona virus ha portato l'Italia ad attuare, ancora una volta, misure rigide. La situazione è un po' delicata e gli interventi e dcpm si susseguono nel corso di questi giorni andando spesso a confondere le persone.

Gli interventi del governo sono mirati a limitare il più possibile i movimenti delle persone sul territorio e gli assembramenti che aumentano le probabilità di trasmissione del virus.

Ma con il nuovo decreto del 3 novembre si può andare a caccia?

Questa è la domanda che sicuramente ti ha portato qui, ma purtroppo non esiste una risposta certa se non la propria interpretazione al decreto, che puoi visualizzare in allegato, appena varato.
Pubblicato in Notizie

Uno dei più grandi calciatori italiani campione dentro, ma soprattutto fuori dal campo

Siamo soliti rappresentare i calciatori di Serie A come personaggi fuori dal mondo comune a fare la bella vita fra macchine sportive, abiti firmati, belle donne e hotel di lusso.
I veri grandi campioni, tuttavia, non perdono mai il contatto con la vita comune fatta di sacrifici, quotidianità ed anche lavori umili.

Probabilmente per questo la foto di Roberto Baggio, postata in questi giorni su instagram dalla figlia e ricondivisa dalla pagina facebook "“Chiamarsi Bomber" ha fatto letteralmente impazzire i fans.
Il divin codino che ha infiammato gli stadi con quell'eleganza con sui superava avversari uno dietro l'altro per poi metterla in rete ha sempre trasmesso un'immagine sana del calcio fatta di tanti sacrifici e dolori con quelle sue povere ginocchie che faticavano non poco a completare i 90 minuti.

Roberto Baggio è anche un grande cacciatore e non ha mai nascosto la sua passione nonostante l'odio ricevuto di qualche ambientalista estremista.
Un vero grande cacciatore come ripreso anche dalla foto rimbalzata con i social in cui viene ripreso, come una persona normalissima, mentre lavora nel giardino intorno alla sua vecchia Fiata Panda 4x4 (la macchina per eccellenza del cacciatore..) vettura alla portata di tutti e che non ti aspetti da un campione del suo calibro.
Pubblicato in Notizie

Nasce un colosso delle cartucce a livello europeo ed internazionale

Due grandi e storiche aziende italiane nell'ambito della produzione di cartucce e componenti si uniscono e creano un leader europeo nel segmento della caccia e tiro, nonchè l'unico gruppo a livello mondiale con una piattaforma integrata verticalmente con notevoli sinergie e vantaggi competitivi.

La Fiocchi, azienda leader italiana nel settore, fondata a Lecco nel lontano 1876 annuncia di aver sottoscritto il contratto per l’acquisizione del 100% di Baschieri & Pellagri, fondata a Marano di Castenaso (Bologna) nel 1885 e specializzata nella produzione di cartucce di alta gamma per il segmento caccia e tiro.
Pubblicato in Notizie

La licenza ancora valida non va consegnata all'amministrazione

Con la circolare allegata alla fine di questo articolo, il Ministero dell'Interno chiarisce, nero su bianco, che all'atto di rinnovo del porto d'armi, gli uffici predisposti, Carabinieri o Polizia, non possono richiede di consegnare la licenza ancora valida.
Questo perchè la licenza è ancora in corso di validità e rappresenta un abuso, eventualmente sanzionabile, l'obbligo di riconsegnare, in questi casi, il documento valido.

Si mette così fine ad una prassi un po' diffusa di Questure, Commissariati e stazioni dei Carabinieri che sino ad oggi hanno spesso obbligato il titolare di porto d'armi, ancora in corso di validità, a consegnare il documento in attesa della pratica di rinnovo.
Pubblicato in Notizie

Appello della LIPU al governo per ottenere fondi nonostante l'emergena Covid-19

Comunicato LipuL'Italia, l'Europa ed il mondo intero sono impegnati contro un nemico invisibile che sta causando la più terribile pandemia dell'era moderna.
In Italia si fanno i conti con una sanità vittima di enormi tagli negli ultimi anni ed in evidente affanno.
Il cuore dei cittadini italiani è grande ed in poco tempo sono state tantissime le donazione pervenuti agli enti ospedalieri.
Ci teniamo anche a ricordare che è attivo il conto corrente per le donazioni direttamente alla protezione civile: Conto corrente donazioni emergenza corona virus.

Anche i cacciatori e le associazioni che li rappresentano hanno cercato di dare il loro contributo riuscendo a donare, dati al 22 marzo, oltre 1 milione di euro (Covid-19, cacciatori sempre in prima linea).
Pubblicato in Notizie
Pagina 1 di 3