Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Accusato di ben 7 roghi!

Cacciatore promane serialeA caccia a volte può capitare di entrare in competizione con gli amici per cercare il miglior carniere, ma a volte si può degenerare ed insorge l'invidia. Proprio quest'ultima deve aver condizionato, in negativo, un pensionato di 70 anni cacciatore di Voltri.

L'uomo negli ultimi anni
si era specializzato nella caccia ai colombacci di passo e si era anche costruito la sua postazione fissa tra i territori di Vesima ed Arenzano.
Nelle vicinanze sono presenti tanti altri capanni di caccia tutti dedichi ai colombacci migratori. Forse l'invidia della posizione o semplicemente la convinzione che per fare più carniere dovesse eliminare gli ipotetici rivali l'uomo ha cominciato a boicottare le attività degli altri cacciatori.

Sfruttando la legge nazione che vieta la caccia per ben 10 anni nelle aree interessate dal fuoco, il pensionato tra il 2015 ed il 2017 avrebbe volontariamente causato incendi mirati a distruggere e/o a rendere inutilizzabili le postazioni dei cacciatori.
Un vero e proprio piromane accusato di ben 7 incendi. L'ultimo rogo è stato il più tremendo e si è verificato a Vesima lo scorso settembre. Il fuoco, sfuggito al controllo dell'uomo e spinto dal vento ed il caldo, distrusse diversi ettari di macchia mediterranea arrivando sino a Crevari e mettendo a rischio diverse abitazioni.

Le foto-trappole piazzate dalla Forestale in zona, proprio alla ricerca del piromane seriale, hanno incastrato il pensionato. Multato di ben 29mila e costretto adesso a risarcire i danni causati agli altri cacciatori. L'uomo, adesso, rischia anche la casa, ma nulla può ripagare del patrimonio di bosco andato in fiamme in questi anni. Ci vorranno anni affinché la natura si riprenda completamente nelle aree arse dal fuoco ed il tutto per la stupidità umana e di un unico personaggio che nessuno di noi appassionati del settore può definire cacciatore...
Pubblicato in Notizie

Sorpresi dai carabinieri, l'uomo denunciato per omessa custodia dell'arma

Piccolo Cacciatore Duranta una battuta a Cairo Montenotte, Savona, un cacciatore 68enne ha lasciato l'arma carica al ragazzino quindicenne che l'accompagnava. Sorpresi dai carabinieri è scattata immediatamente la denuncia per omessa custodia ed il sequestro del fucile e delle relativa munizioni.

La legge parla chiaro e bisogna custodire sempre le armi con diligenza e nell'interesse della pubblica sicurezza. Lasciare l'arma carica ad una persona non munita di regole licenza, o peggio minorenne, equivale ad una mancata e corretta custodia.

Possiamo, tuttavia, comprendere in parte l'anziano cacciatore che voleva, a fin di bene, incentivare la passione venatoria del ragazzo, ma ha sbagliato i modi.
Pubblicato in Notizie

La Spezia imbraccia il fucile e spara al culmine di una lite

Lite Cacciatore SparaL'episodio è avvenuta a Tavolara nei pressi di Sarzana a La Spezia. Non sono ancora chiare le dinamiche, ma un'ennesima lite fra Jamaal Madboui, marocchino 47ene sposato e con tre figli ed il cacciatore Daniele Rustighi 59enne di Castelnuovo è terminata con un colpo di fucile sparato dal cacciatore e che ha raggiunto all'addome Jamaal.
L'uomo è in gravissime condizioni ed è stato subito trasportato in elisoccorso al Noa di Massa.

Il Cacciatore sarebbe prontamente fuggito, ma alcuni testimoni hanno indirizzato i carabinieri verso l'abitazione dell'uomo. Rustighi ha dapprima negato, ma di fronte alle evidenze ha confessato l'accaduto.
Pubblicato in Notizie
regione liguria In Liguria si lavora bene e, come negli ultimi anni, associazioni del settore e rappresentanti politici hanno collaborato per ottenere dati e motivazioni valide per redarre un calendario che sia il più possibile attento alle esigenze del territorio e dei cacciatori stessi.

I cacciatori liguri non possono che essere contenti del calendario da poco approvato che regolamenta la prossima stagione di caccia 2017 - 2018 soprattutto osservando l'andazzo delle altre regioni primis in particolare il vicino Piemonte.

Pubblicato in Notizie
storno al portoIl tar della Liguria, su ricorso di Epna, Lac e Lav ha sospeso la “caccia in deroga allo storno”.
Col Decreto di lunedì 3 ottobre 2016, il Presidente del Tribunale Amministrativo della Liguria, ha infatti accolto l'istanza cautelare delle associazioni animaliste nei confronti della Delibera Regionale che autorizza il prelievo in deroga dello storno dal 25 settembre al 25 dicembre 2016.

Le associazioni ambientaliste contestano, in particolare, il presunto fasullo atto di approvare la deroga allo storno per tutelare le produzioni olivicole con l'abbattimento di 11.000 esemplari da parte di 2.000 cacciatori autorizzabili.
Il ricorso presentato enfatizzava la presenza di vastissimi territori dell'entroterra dove poter cacciare lo Storno anche se incluse zone appartenenti a comuni non classificati come olivicoli e/o privi di oliveti.

Il presidente del TAR ha, quindi, emanato una sospensione della deroga in attesa della pronuncia collegiale prevista per il prossimo 27 ottobre.

Pubblicato in Notizie
cacciatore al tramontoNon è bastata l'approvazione della recente legge contro i disturbatori delle attività venatorie a fermare un gruppo di fanatici ambientalisti.

Organizzati tramite una pagina sul social network Facebook sono giunti nelle campagne di Creto in una quindicina dalle vicine provincie, alcuni sin da Parma, pur di fermare i cacciatori.

I carabinieri stanno indagando, ma pare che al termine di una discussione dai toni piuttosto accesa con due cacciatori alcuni ambientalisti abbiano usato degli spray urticanti.

Nulla di grave per i cacciatori sono dovuti comunque ricorrere alle cure mediche presso l'ospedale San Martino.
Pubblicato in Notizie
CarabinieriUn anziano 62enne aveva cambiato residenza da Chiavari a Lavagna, ma si era dimenticato di aggiornare anche la denuncia delle armi in suo possesso.
Durante il controllo i carabinieri si sono accorti che l'uomo deteneva ormai da tempo le armi nella nuova abitazione, ma senza la necessaria autorizzazione.

L'uomo è stato denunciato per omessa regolarizzazione di due pistole, due fucili e varie munizioni dopo il cambio di residenza.
Armi e munizioni sono finite sequestrate e l'uomo adesso è nei guai.

Salvo permessi specifici approvati non è consentito detenere le armi, al di fuori della zona indicata sulla denuncia di possesso, per più di 72h.
Pubblicato in Notizie
Cacciatori caccia col caneCon venti voti a favore, 16 del centrodestra e 4 del pd, il provvedimento atto a punire chi disturba volutamente le attività dei cacciatori diventa legge.
Aspettavamo con ansia l'esito della proposta di legge dei giorni scorsi (Liguria è caccia ai disturbatori) .
Il provvedimento approvato prevede una sanzione amministrativa da 100 a 400 euro (e non più da 206,58 a 619,75) a chi «intenzionalmente cagiona l’interruzione o turba il regolare svolgimento dell’attività venatoria».
L'interpretazione è più specifica rispetto alla precedente che attribuiva la sanzione a chi «volontariamente procura disturbo all’esercizio venatorio».

Pubblicato in Notizie
stop ai distubatori Ci è voluta la Liguria per smuovere qualcosa e dire basta ai continui disturbatori delle attività venatorie.
Il 13 settembre si discuterà, in regione, la proposta di legge per modificare i locali regolamenti sulla caccia.
Fra le novità l'art. 8 introduce una sanzione variabile da 200 a 600€ per chi, deliberatamente, disturberà i cacciatori durante le loro attività.

Questa tanto attesa novità rappresenta un chiaro stop a tutte quelle persone che si improvvisano "paladini dell'ambiente" andando a disturbare i cacciatori.
Il fenomeno è cresciuto notevolmente negli ultimi anni anche grazie ai social che permettono a questi individui di mettersi in mostra.
Pubblicato in Notizie
Cinghiali a spasso per le vie di GenovaI Cinghiali che scorrazzano fra le strade di Genova sembrano non far più clamore, ormai questi ungulati sono visitatori abitudinari della città. In periferia il problema è più evidente con i cinghiali che, ormai abitudinariamente, arrivano dalle campagne in cerca di cibo facile.

Tuttavia i cinghiali sono animali selvatici ed imprevedibili e molto spesso sottovalutati.
Il pericolo più grande sono proprio i piccoli, mai lasciati indifesi, graziosi da vedere e che potrebbero avvicinarsi facilmente alle persone. In alcuni casi però la madre potrebbe non gradire reagendo, anche violentemente, se temesse per l'incolumità dei suoi amati cuccioli. Un'altra forte preoccupazione è legata alla viabilità, soprattutto notturna, che vede aumentati gli incidenti, spesso violenti, in cui sono coinvolti i Cinghiali.
Pubblicato in Notizie
Pagina 1 di 2