Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Lunedì, 21 Maggio 2018 20:42

Gita a Bastia Umbra..Caccia Village 2018

Scritto da
Entrata Caccia Village Umbria 2018 Sono anni che i miei vari amici cacciatori vanno puntualmente a visitare le fiere di caccia più importanti del nostro paese, ma a causa di impegni ed anche perchè un po' odio il caos non sono mai riuscito a partecipare ad alcun evento.
Quest'anno si è rinnovato l'appuntamento con il Caccia Village l'11,12 e 13 maggio. Ovviamente i miei amici ne parlavano da un po' e questa volta mi sono impuntato con me stesso ed ho deciso di unirmi a loro.
Scegliamo di partire il venerdì cosi da evitare il picco dei visitatori e goderci meglio i vari stand.
Bastia Umbria Fiere non è poi così lontano circa 2orette e qualcosina da Roma. Partiamo a metà mattinata in auto tutti assieme, in allegria e spensieratezza il viaggio trascorre fra un racconto di caccia e fra le risate rimembrando le clamorose padelle della scorsa stagione.
Sabato, 19 Maggio 2018 14:44

Liguria, niente tassa per i neo-cacciatori

Scritto da

Sconto del 100% sulla concessione regionale per i neo cacciatori

Liguria Sconto Neo CacciatoriIn questi giorni l'assessore Stefano Mai ha illustrato il nuovo calendario venatorio che dovrebbe essere ufficializzato presto. In linea di massima dovrebbe essere in linea con quelli degli ultimi due anni.
Come sempre non sono mancate le polemiche delle associazioni ambientaliste con il WWF pronto a far ricorso al TAR. Il Movimento 5 stelle contesta le modifiche alla legge regionale approvata dalla maggioranza di centrodestra e Pd.

Fra le nuova novità il disegno di legge per scontare del 100% la tassa di concessione regionale ai neo-cacciatori.
L'attuale importo di circa 90€ sarà sgravato ai giovani che si avvicinano al mondo venatorio e, si spera, si riesca a ridurre il crollo dei cacciatori tesserati in Liguria.

Difficile convivenza cacciatori/fungaioli. Arriva l'obbligo di rendersi altamente visibili nei boschi

Novità cercatori funghi liguriaIl tempo "ballerino" di maggio e le piogge di queste giorni seguite dal sole accendono la passione dei tanti appassionati di funghi ed i boschi di faggi, castagni o pini vengono presi d'assalto.
Quest'anno, però, i cercatori di funghi dovranno far attenzione ad alcune novità.
Alcuni consorzi hanno già reso obbligatorio l'uso dei giubbotti catarifrangenti ai cercatori di funghi.
Arriva, adesso, anche la proposta di legge 179, di Angelo Vaccarezza e Claudio Muzio che imporrà, ai ricercatori di funghi, all'acquisto del tesserino, di essere dotati del giubbotto catarifrangente ad alta visibilità.
Roberta Lombardi Contro Caccia LazioIl rappresentante Roberta Lombardi del movimento 5 Stelle risponde sui social ai messaggi ricevuti dai cittadini in merito alla prossima stagione di caccia.
L'ex presidente del gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle, alla Camera dei Deputati, ha espresso la propria intenzione a presentare una mozione per impegnare, il presidente Zingaretti della Regione Lazio, a non prolungare ulteriormente la stagione venatoria. Tra gli obiettivi del partito, infatti, abolire la pre-apertura e la chiusura posticipata a febbraio.

Prontamente le associazioni venatorie: Federcaccia, Libera Caccia, Enalcaccia, Italcaccia e Ente Produttori Selvaggina, preoccupate della situazione si sono rivolte a Zingaretti e ad Enrica Onorati, assessore regionale all'Ambiente, chiedendo maggiori informazioni sulle dichiarazione dell'esponente m5s in merito al calendario venatorio 2018-2019.

Raccontò una bugia per farsi trasferire ed, invece, perde il lavoro e porto d'armi

Tribunale Lazio Conferma Revoco PDAUn caso molto singolare, ma su un tema a noi caro ci fa riflettere su quanto sia importante avere una buona condotta improntata sull'osservanza delle norme per chiunque possieda una licenza di porto d'armi nel nostro paese.

La vicenda vede coinvolto un'ex guardia giurata venatoria, senza precedenti penali, che nel 2010 fu licenziato dalla propria azienda per condotta ritenuta di estrema gravità.
Per cercare di ottenere un trasferimento, l'uomo, si era inventato un racconto falso che lo vedeva protagonista di un atto di autoerotismo compiuto in uno spogliatoio femminile davanti una collega.

Il comportamento lesivo nei confronti della donna ha portato l'azienda al licenziamento del dipendente e, successivamente, il Ministero dell'Interno aveva provveduto ad emanare un provvedimento di revoca del porto d'armi all'ex guardia.