Solo registrandoti puoi accedere a tutti gli articoli e alle utili funzionalità riservate. Cosa aspetti? La registrazione è facile e totalmente gratuita!

Registrati - FAQ sito - Contattaci - Chi siamo

Noto anticaccia diventa braccio destro del Ministro dell'Ambiente

Le voci insistente degli ultimi giorni sono state, purtroppo, confermate con la nomina di Fulcio Mamone Capria, presidente nazione dell'associazione LIPU, a capo della segreteria del Ministero dell'Ambiente.

Una notizia non certa lieta per noi amanti della caccia che porta uno fra i nostri antagonisti più acclamati a diventare protagonista ed influente sulle attività del Ministero.
Tutti noi sappiamo le prese di posizioni da parte di Capria sulla caccia e sugli slogan un po' fasulli, ma clamorosi utilizzati per cercare di fermare di la caccia. Ricordiamo, ad esempio la sua intervista a 1 Mattina:Video 1 Mattina Stop alla Caccia.

Molti di noi cacciatori si domandano che fine hanno fatto le tante promesse, da parte della Lega, verso il mondo venatorio. Speriamo che Salvini e company riescano a far leva sul Ministero affinché si operi sempre in maniera diligente per la tutela del territorio e del mare riconoscendo il ruolo e l'importanza del settore venatorio e non attuando una politica di totale opposizione e discriminazione verso i cacciatori.

Foraggava CinghialiNel territorio senese di Montemaggio pare sia diffusa la pratica di foraggiare i cinghiali in maniera tale da portarli a non lasciare determinate zone.
Non sono stati pochi, infatti, i ritrovamenti di pane ed altri prodotti da forno sparsi nei boschi. Vengono lasciati per cercare di richiamare i cinghiali e favorirne la riproduzione e l'aumento.

La polizia provinciale, ritrovando i resti di pane, ha cominciato a pattugliare le aree incriminate.
Durante un sopralluogo le autorità hanno sorpreso un uomo mentre portava nel bosco chili di cibo destinato agli ungulati. L'uomo è un appassionato cacciatore di cinghiali ed è stato denunciato per foraggiamento di cinghiali attività proibita dall'art.7 della legge sulla caccia 175/92 (Collegato ambientale novità sulla gestione dei cinghiali).
Sequestrato il cibo ed il pick up con il quale l'uomo viaggiava.

Troppi i danni alle coltivazioni e le richieste di risarcimento, la regione corre ai ripari varando un piano pluriennale di contenimento degli uccelli nocivi.

Piano Abbattimento Nocivo Emilia Romagna Cornacchie Gazze, Ghiandaie, ma soprattutto Cornacchie sono le tre specie di uccelli (appartenenti tutte alle famiglia dei Corvidi), che meglio si stanno adattando alla convivenza con l'uomo. Peccato che il loro forte aumento sta creando forti disagi agli agricoltori ed, in seconda battuta, alle altre specie. Questi corvidi, infatti, a primavera integrano la loro dieta predando le nidiate di altre uccelli come passeri e merli. Inoltre il monitoraggio di queste specie aiuta anche le attività di sorveglianza della diffusione del Virus del Nilo Occidentale e del Virus Usutu in collaborazione col servizio sanitario.

Il piano di contenimento dovrebbe essere attivo a breve e a partecipare operatori selezionati e abilitati da specifici corsi e anche gli stessi agricoltori se in possesso della licenza di caccia.
Salvo revoche il piano durerà sino al 2022 e sarà valido per l'intero territorio regionale ad esclusione dei Parchi nazionali e delle Aree protette. Per i siti Natura 2000 seguiranno particolari misure atte a tutelare le specie protette e di particolare interesse.

In tutta la regione sarà possibile prelevare, ogni anno, un numero massimo di 22.500 cornacchie, 46.500 gazze e 16.500 ghiandaie che, a seconda delle diverse necessità il numero sarà suddiviso fra le varie provincie in considerazione dei risultati positivi ottenuti rispetto ai danni dell'agricoltura.

I prelievi potranno essere effettuati nel periodo che va fra il 1° marco ed il 31 ottobre per limitare i danni alle colture mentre, per finalità anti predatorie, negli istituti pubblici e privati, negli ATC e nelle aziende faunistiche venatorie nel periodo che va dal 1° marzo al 31 agosto.
Sul tema è intervenuto positivamente l'assessore regionale all'agricoltura Simona Caselli che ha dichiarato:
Con l’arrivo del parere vincolante di Ispra possiamo mettere in campo anche il primo piano regionale di controllo dei corvidi che si aggiunge a quello per gli storni che ha preso il via nei giorni scorsi, e a quello del piccione e della nutria. È un ulteriore strumento che gli agricoltori possono chiedere di attivare quando le misure di prevenzione non bastano più. Necessario per limitare il più possibile i danni all’agricoltura.
I benefici di una camminata..
Camminare Aiuta SaluteIl medico greco Ippocrate riteneva che camminare fosse “la migliore medicina”. Non sono bastati più di 2mila anni per smentire l'antico padre della medicina e, qui di seguito, andremo a scoprire assieme perchè camminare regolarmente, ogni giorno, permetta di star meglio, prevenire l'invecchiamento e migliorare la psiche ed il nostro umore.
Molti studi hanno determinato che camminare, assieme al giusto riposo e ad una dieta equilibrata e sana siano la base per avere una saluta di ferro.
Basta anche poco impegno, ma con costanza.

Vediamo cosa accade se camminiamo ogni giorno per almeno 30 minuti:

Negli annunci dell'associazione "Niente cani ai Cacciatori"...

Canile Sequestrato Purtroppo non è il primo caso e probabilmente non sarà l'ultimo...
L'ex presidente della Lega Nazione per la Difesa del Cane, sezione di Reggio Calabria, ed i suoi familiari, sono finiti sotto inchiesta per aver ripetutamente sottratto finanziamenti pubblici destinati alla cura e gestione del canile di Campo Calabro e degli animali ospitati per rimpinguare i propri conti correnti e quelli dei familiari.

Difficile quantificare precisamente la cifra sottratta perché oltre alle sovvenzioni statali all'associazione pervenivano anche tante donazioni dai cittadini di buon cuore speranzosi di aiutare i tanti cani e gatti che finivano sulla pagina facebook.